A
Attualità
Attualità, 8/1976, 15/04/1976, pag. 147

Torino: in arcivescovado una domanda

L. A.

Leggi anche

Documenti, 2019-1

Camminare insieme sulla strada

III Commissione internazionale anglicana - cattolica romana (ARCIC III)

È stata completata a Erfurt, in Germania, nel maggio 2017 e pubblicata il 2 luglio 2018 la Dichiarazione concordata della III Commissione internazionale anglicana - cattolica romana (ARCIC III) intitolata Camminare insieme sulla strada. Imparare a essere la Chiesa – Locale, regionale, universale. Si tratta del primo rapporto dalla costituzione dell’ARCIC III nel 2011, ma dell’undicesimo dall’inizio del dialogo ecumenico tra anglicani e cattolici, nel 1966. Dal precedente, quello su Maria del 2004, erano trascorsi 13 anni.

Questa fase del dialogo è per la prima volta impostata sul metodo dell’«ecumenismo recettivo», che consiste nel «discernere ciò che appare essere stato trascurato o sottosviluppato nella propria tradizione, (e) … chiedersi se questi elementi sono sviluppati meglio nell’altra tradizione». Un approccio che «richiede una franca valutazione, il pentimento e il coraggio di guardare lealmente a noi stessi e di imparare dall’altro», come osservano i due co-presidenti nella prefazione. L’oggetto del confronto, in base al mandato affidato all’ARCIC III nel 2011 e a partire dall’avanzato livello di accordo raggiunto dalle precedenti fasi di dialogo, era «la Chiesa come comunione, locale e universale, e il modo in cui in comunione la Chiesa locale e universale riesce a discernere l’insegnamento etico». Su questo secondo aspetto si concentrerà il prossimo rapporto dell’ARCIC III.

Attualità, 2018-14

A. Ruccia, La parrocchia secondo l’Evangelii gaudium

Integrare, accompagnare, discernere

Giancarlo Azzano

La parrocchia è il crocevia del Vangelo, il luogo dell’incontro fra Dio e l’uomo. In questo tempo di cambiamento epocale, è proprio dalla sua presenza sul territorio che dipende l’evangelizzazione e la sua stessa sopravvivenza. L’autore, rifacendosi all’esortazione Evangelii gaudium, offre, con le sue riflessioni, indicazioni sia spirituali sia organizzative.

 

Attualità, 2018-12

F. Marinetti, Caro Francesco

Giancarlo Azzano

L’autore già dalle prime righe dichiara d’essere debitore al pensiero e alle scelte di don Zeno, fondatore nel secondo dopoguerra della Comunità di Nomadelfia. È proprio dall’esperienza di questa piccola comunità – visitata da papa Francesco lo scorso 10 maggio –, formata da alcune famiglie, che ha preso corpo la riflessione di questo scritto.