A
Attualità
Attualità, 2/1984, 15/01/1984, pag. 23

Ginevra: No a una diocesi cattolica

L. P.

Leggi anche

Attualità, 2019-4

Aa. Vv., Costituzione italiana: i principi fondamentali

Niccolò Pesci

Merita un plauso l’impresa condotta dalla casa editrice Carocci che, sotto la direzione di Pietro Costa e Mariuccia Salvati, ha dato alle stampe tra il 2017 e il 2018, ovvero nel 70o anniversario della promulgazione della Carta, una serie di volumi dedicati, ciascuno, a un articolo fra quelli che compongono i «Principi fondamentali». Essi costituiscono il patrimonio originario della nostra convivenza democratica, ma spesso si ha l’impressione, come dicono i curatori nell’Introduzione, che la Costituzione «sia più citata che conosciuta, più esaltata che compresa».

Attualità, 2019-4

Parliamo ancora del laicato. Sul Padre nostro. Il Patriarcato ecumenico non è «evanescente»

Nuccio Guaita; Paolo Cardoni; Paolo Perletti
Parliamo ancora del laicato Caro direttore, vorrei ringraziare e congratularmi per il vostro lavoro, di cui il numero 16 del Regno è esempio d’attualità e contenuto. Il tema della pedofilia non poteva essere ignorato («È urgente!») ed è proposto al lettore in modo chiaro, obiettivo, documentato. In «Risorgere dal dramma», M.E. Gandolfi raccoglie...
Attualità, 2019-2

Italia - Luoghi di culto dismessi: Dio non abita più qui?

Intervista a Ottavio Bucarelli sulle recenti Linee guida

Paolo Pegoraro

Il problema della dismissione dei luoghi di culto cattolici, della loro vendita e della successiva trasformazione in abitazioni, ristoranti, discoteche o moschee, si è andato ampliando negli ultimi 30 anni. Il fenomeno intressa la Chiesa cattolica come le comunità protestanti, assumendo maggiore rilievo in Francia, Belgio, Olanda, Germania, Svizzera, Stati Uniti e Canada, ma pure in Italia. Il convegno internazionale «Dio non abita più qui?» (Roma 29-30.11.2018), promosso dal Pontificio consiglio della cultura, dalla Conferenza episcopale italiana (Ufficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto) e dalla Pontificia università gregoriana (facoltà di Storia e beni culturali della Chiesa), ha voluto fare il punto della situazione.