A
Attualità
Attualità, 14/2007, 15/07/2007, pag. 448

Ortodossia. Cipro - Roma: relazioni nuove

L. L.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Documenti, 2019-13

Chi è straniero è un altro «noi»

Conferenza episcopale laziale

«Vorremmo invitarvi a una rinnovata presa di coscienza: ogni povero – da qualunque paese, cultura, etnia provenga – è un figlio di Dio. I bambini, i giovani, le famiglie, gli anziani da soccorrere non possono essere distinti in virtù di un “prima” o di un “dopo” sulla base dell’appartenenza nazionale». Con la Lettera di Pentecoste, pubblicata il 6 giugno, i vescovi della Conferenza episcopale laziale prendono nettamente posizione a favore dell’accoglienza degli immigrati, un tema fortemente divisivo in questo momento all’interno della società italiana, e molto presente nella propaganda politica. «Italiani o stranieri – sottolineano –, tutti soffrono allo stesso modo», e respingono l’uso diffuso di «accenti e toni che negano i diritti fondamentali dell’uomo, riconosciuti dagli accordi internazionali e – soprattutto – originati dalla Parola evangelica».

L’appello nasce dalla costatazione che «purtroppo nei mesi trascorsi le tensioni sociali all’interno dei nostri territori, legate alla crescita preoccupante della povertà e delle diseguaglianze, hanno raggiunto livelli preoccupanti». I vescovi del Lazio dichiarano il desiderio di «essere accanto a tutti coloro che vivono in condizioni di povertà», ma mettono in guardia contro «certe affermazioni che appaiono essere “di moda”» e da cui «potrebbero nascere germi d’intolleranza e di razzismo».

Documenti, 2018-17

Custodi della casa comune

Consiglio episcopale latinoamericano

La protagonista è la casa comune, con le creature che vi abitano e i beni che contiene e che siamo chiamati a custodire e amministrare. L’antagonista è l’estrattivismo: la «tendenza sfrenata del sistema economico a convertire i beni della natura in capitale» (n. 11), che si vede all’opera principalmente nell’attività mineraria ma che, a ben vedere, sta all’origine dell’intero «circuito consumista» (ivi). La trama è quella della Laudato si’, l’enciclica di papa Francesco incentrata sul concetto di ecologia integrale e sulla certezza che «tutto è in relazione». In tal modo il Consiglio episcopale latinoamericano (CELAM), con questa lettera pastorale Discepoli missionari custodi della casa comune. Discernimento alla luce della Laudato si’, datata 25 gennaio 2018, ha inteso tanto esercitare intorno al proprio continente il discernimento che la Laudato si’ raccomanda, quanto indicare al prossimo Sinodo sull’Amazzonia (ottobre 2019) una precisa linea di riflessione. Essa muove dalle tappe percorse dalla Chiesa nell’approccio alle attività estrattive, per poi esporre i dettagli interni a tale realtà e la riflessione su di essa alla luce della fede e a partire dalla dottrina sociale e, infine, approdare alla proposta di alcune linee di azione coerenti con l’identità cattolica (cf. n. 13).

Documenti, 2018-5

Elezioni 2018: partecipare al voto

Conferenza episcopale lombarda; Conferenza episcopale dell’Emilia-Romagna

«Di fronte alla tentazione molto diffusa dell’astensionismo e del disinteresse, è necessario e urgente che l’opera educativa delle comunità cristiane solleciti tutti alla presenza e alla partecipazione attiva e responsabile a questi appuntamenti elettorali: anzitutto attraverso l’espressione consapevole del proprio voto; più approfonditamente auspicando l’impegno attivo di un numero sempre maggiore di fedeli laici in ambito politico e più in generale praticando una partecipazione alla vita politica che non si limiti al momento delle elezioni, ma accompagni la vita quotidiana delle istituzioni, attraverso lo strumento dell’informazione, della vigilanza e del richiamo». In vista delle elezioni politiche del 4 marzo i vescovi italiani hanno indirizzato ai fedeli dei messaggi, che offrono innanzitutto un invito alla partecipazione attiva attraverso il voto, e poi alcuni criteri di scelta. Pubblichiamo la nota della Conferenza episcopale lombarda, intitolata Partecipazione attiva e responsabile per una buona politica, elaborata durante la sessione di lavoro del 17-18 gennaio presso il Santuario di Caravaggio, e il messaggio dell’Episcopato dell’Emilia Romagna, pubblicato il 20 febbraio con il titolo Schierati per la dignità umana, il bene comune e la giustizia. Per gli episcopati della Sicilia e della Toscana cf. riquadro a p. 173.