A
Attualità
Attualità, 10/2015, 15/11/2015, pag. 656

Italia - Dibattito: paura del "gender"

Quando gli stereotipi impediscono la discussione sulla sessualità e sui ruoli sociali. Una testimonianza

Rita Torti

Nel luglio di quest’anno alcune donne cattoliche di Parma (fra cui la sottoscritta) scrivono una lettera aperta alle principali associazioni ecclesiali presenti in diocesi per comunicare il proprio disagio rispetto alla infiammata battaglia contro il «gender», che vede parte del mondo cattolico fra i protagonisti più attivi e convinti. Ci firmiamo scherzosamente «Le sante Lucie»; tutte siamo da decenni coinvolte in modo attivo nella vita della Chiesa locale.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2018-22

Un amore più grande

La collana «Teologhe e teologie» e il racconto dei femminismi nella storia

Rita Torti

Alla mole di studi e ricerche già disponibili messi in campo dalle donne, quest’anno, la collana «Teologhe e teologie», curata dal Coordinamento teologhe italiane su proposta della casa editrice Nerbini di Firenze per attraversare temi, momenti e figure della presenza femminile di ieri e di oggi nelle Chiese cristiane, della riflessione spirituale da cui questa presenza è scaturita e della teologia innestata di pratiche a cui dà origine. Una collana – spiega la presidente del CTI Cristina Simonelli – che vuole recuperare la genealogia in cui è radicato l’attuale lavoro delle teologhe, con «l’istanza etica del superamento dell’esclusione e l’anelito spirituale di un umanesimo degno di questo nome, che si dipani attraverso le differenze e si proietti oltre ogni confinamento».