A
Attualità
Attualità, 5/2015, 15/05/2015, pag. 301

America Latina - Ecumenismo: ancora per pochi

Intervista a L. Cervantes Ortiz e a D. Munoz

Mauro Castagnaro
Due voci diverse, dagli estremi del continente, parlano di ecumenismo in America Latina. La prima è quella di Leopoldo Cervantes-Ortiz, pastore della Comunione messicana delle Chiese riformate e presbiteriane e membro della Commissione di formazione ecumenica del Consiglio ecumenico delle Chiese. La seconda voce è di Doris Muñoz, laica cattolica e teologa femminista del Centro ecumenico «Diego de Medellín» (CEDM) di Santiago del Cile.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-10

America Latina - Verso il Sinodo panamazzonico: preti di comunità

Intervista a p. Antonio José de Almeida. Una proposta

Mauro Castagnaro

La possibilità dell’ordinazione presbiterale di uomini sposati sarà uno dei temi al centro della discussione dell’Assemblea speciale del Sinodo dei vescovi per la regione panamazzonica che si terrà a Roma dal 6 al 27 ottobre, perché dalla consultazione questa è emersa come la principale proposta per garantire la celebrazione frequente dell’eucaristia alle comunità cristiane che attualmente, a causa della scarsità di clero, possono accedervi non più di 2-3 volte l’anno.

 

Attualità, 2019-10

America Latina – Verso il Sinodo panamazzonico: un ascolto capillare

Mauro Castagnaro

Con la pubblicazione in giugno dell’Instrumentum laboris, la preparazione dell’Assemblea speciale del Sinodo dei vescovi per la Panamazzonia, prevista a Roma dal 6 al 27 ottobre col titolo «Amazzonia: nuovi cammini per la Chiesa e per un’ecologia integrale», entrerà nella fase finale.

 

Attualità, 2019-8

America Latina - Focolai di crisi: un ruolo per la Chiesa

Mauro Castagnaro

Non trova soluzione la crisi politico-istituzionale che da tre anni vive il Venezuela: l’insediamento, il 10 gennaio, di Nicolas Maduro per il secondo mandato presidenziale ha spinto Juan Guaidò, dirigente del partito Volontà popolare e presidente di turno dell’Assemblea nazionale, ad autoproclamarsi presidente della Repubblica ad interim. Intanto in Nicaragua prosegue il dialogo tra governo e Alleanza civica per la giustizia e la democrazia, a quasi un anno dall’inizio della crisi innescata dalla riforma (subito ritirata) del sistema previdenziale. Mentre ad Haiti le proteste popolari sono invece sempre più forti contro l’aumento del prezzo dei combustibili.