A
Attualità
Attualità, 12/2016, 15/06/2016, pag. 361

Ecumenismo - 500° della Riforma/2: italiani e valdesi

Intervista a Giorgio Tourn

Domenico Segna

Dopo il dialogo con il teologo valdese Sergio Rostagno (Regno-att. 10, 2016,268), che ha inaugurato una serie d’approfondimenti in occasione del cinquecentenario della Riforma, presentiamo qui un’intervista a Giorgio Tourn, anch’egli valdese, pastore storico e teologo. Ancora oggi il protestantesimo in Italia appare come una minoranza sconosciuta ai più, che rivendica uno specifico ruolo storico e talora esprime una ricerca d’identità che prevale sulla disponibilità al dialogo col cattolicesimo (red.).

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-8

I. Bertoletti, Cattolicesimi italiani

Conservatore, liberale, democratico

Domenico Segna

Bertoletti evidenzia come questi tre tipi di cattolicesimo s’incrociano tra loro in maniera tale che le caratteristiche dell’uno si possano rinvenire nell’altro e viceversa. Dinanzi a tale scenario si stagliano le figure dei pontefici che, da Giovanni XXIII a papa Francesco, hanno caratterizzato epoche storiche diverse rappresentando, con le loro encicliche, la bimillenaria dialettica tra principio d’autorità, principio dell’inventio veritatis nell’ascolto della Parola e principio dell’agape.

 

Attualità, 2020-6

D. Sassoon, Sintomi morbosi

Nella nostra storia di ieri i segnali della crisi di oggi

Domenico Segna

I «sintomi morbosi», su cui riflette lo storico britannico Donald Sassoon, sono, dunque, riconducibili a quel limbo su cui si appuntò l’intelligenza politica di Gramsci nel periodo più buio della sua esistenza, quando nel carcere fascista di Turi scrisse i celebri Quaderni. Non a caso il pensiero gramsciano fa da esergo al volume di Sassoon, il quale con stile pungente, a tratti ironico, mostra in maniera inequivocabile quanto l’origine dei problemi che si registrano in Europa nell’attuale fase storica, in ordine alle politiche d’integrazione fra e degli stati, risalgano a una precisa parabola a poco a poco definitasi nell’arco di un trentennio.

Attualità, 2020-4

G. Filoramo, Storia della Chiesa 1; D. Menozzi, Storia della Chiesa 4

L'età antica; L'età contemporanea

Domenico Segna

I nativi digitali sono in grado d’accedere nel giro di pochi minuti alle informazioni salienti che riguardano la storia della Chiesa. Sono, però, altrettanto in grado di collocare i dati ricavati da Internet all’interno di una cornice interpretativa in grado d’offrire loro una comprensione «criticamente avvertita»? È questa la problematica sottolineata da Giovanni Filoramo e da Daniele Menozzi nell’Introduzione ai primi due volumi dedicati rispettivamente all’età antica e a quella contemporanea della storia della Chiesa a cui seguiranno, a breve, quelli dedicati all’età medievale e moderna.