A
Attualità
Attualità, 12/2016, 15/06/2016, pag. 363

Europa - Evangelici e anglicani: vita in comune

Sarah Numico

Era il 1979 quando un testo della Chiesa evangelica tedesca, Evangelische Spiritualität (Spiritualità evangelica) segnava un’inversione d’atteggiamento verso gli ordini religiosi: messi in secondo piano dalla Riforma, queste speciali comunità venivano riconosciute come «luoghi di grazia» da sostenere. Pur essendosi conservate alcune sporadiche forme di vita consacrata o comune nel corso dei 500 anni della storia della Riforma, la predilezione era comunque stata rivolta alle comunità locali, inserite nei contesti ordinari di vita delle persone.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2016-10

Francia - Settimane sociali: una nuova presidente

Sarah Numico

Dal 2 giugno c’è una donna alla guida delle Settimane sociali dei cattolici francesi (SSF), Dominique Quinio, classe 1952, già direttrice per un decennio del quotidiano cattolico francese La Croix. Ciò segna una prima volta nella storia di quest’associazione, «spazio di formazione, dibattito e proposte sulle grandi sfide della società». Nate nel 1904, per iniziativa di due laici cattolici, Marius Gonin e Adéodat Boissard, le SSF erano inizialmente «università itineranti e aperte» per far conoscere il pensiero sociale della Chiesa.

Attualità, 2016-10

Regno Unito - Chiese e referendum: rimaniamo in Europa

Sarah Numico

Non «ho alcuna linea diretta con Dio per sapere la risposta giusta», ma «da parte mia, sulla base di quello che ho detto e di ciò che ho vissuto, voterò per rimanere» (cf. Regno-doc. 9,2016,281). Senza giri di parole si conclude l’articolo apparso domenica 12 giugno sul Mail on Sunday firmato Justin Welby, arcivescovo di Westminster e primate della Chiesa anglicana. Il suo contributo, precisa il sito della Chiesa anglicana, è un «articolo personale», che esce dieci giorni prima del referendum britannico con cui, giovedì 23 giugno, i cittadini di sua maestà Elisabetta hanno detto che non vogliono continuare a far parte dell’Unione Europea.