A
Attualità

Attualità, 4/2017

Italia - Politica: la sinistra che ha fallito

Personalismi, scissioni e scontri di potere

Gianfranco Brunelli

Alcuni mesi fa, analizzando il referendum costituzionale che ci stava davanti concedemmo poco alla qualità di quella riforma, pochissimo a chi se l’era intestata (Renzi), nulla ai sostenitori del «no» (Regno-att. 20,2016,577). A posteriori, alla luce della sconfitta renziana del 4 dicembre e di quello che sta succedendo nel paese, a cominciare dal Partito democratico, rimango convinto di quella lettura.

 

Italia - Perché ha perso il «sì»: effetto polarizzazione

Analisi dei flussi del voto referendario del 4 dicembre

Paolo Segatti

A tre mesi di distanza dal 4 dicembre, del referendum si parla ormai poco. Quando se ne parla, lo si fa sulla base di interpretazioni generali, secondo le quali la vittoria del «no» sarebbe un’altra manifestazione del fenomeno populista. L’obiettivo di questo articolo è illustrare la natura dinamica del voto referendario, ricostruendo anzitutto il maturare delle scelte per il «sì» e per il «no» dal giugno al dicembre 2016, e poi mettendo a fuoco, con un esercizio d’analisi retrospettiva, i vincoli politici di medio termine che presumibilmente hanno finito per condizionare l’esito del referendum sulla riforma costituzionale. La tesi è che la vittoria del «no» era molto probabile, ma forse non nelle proporzioni che ha avuto.

 

Italia - Islam: all’orizzonte, l’intesa

L’islam italiano e la firma di un Patto con lo stato

Carlo Cardia

Il Patto nazionale per un islam italiano, espressione di una comunità aperta, integrata e aderente ai valori e principi dell’ordinamento statale, sottoscritto il 1o febbraio da alcune organizzazioni islamiche presso il Ministero dell’interno merita una speciale attenzione, con riferimento ad almeno tre profili. Ai precedenti impegni assunti da esponenti musulmani sempre al Ministero dell’interno negli anni scorsi, ai contenuti dell’odierno documento, ai possibili risultati che possono derivarne.

 

Italia - Giornata per la vita: chiamati a essere madri

Una Chiesa dove tutti sono responsabili verso tutti

Mariapia Veladiano

La maternità biologica c'è eccome, ma esiste anche una maternità infinitamente allargata, allargata a tutti coloro che entrano in contatto con il bambino e anche a coloro che costruiscono il mondo in cui il bambino cresce e vive. Questa nuova maternità che tocca tutti è la maternità come cura. E la Chiesa è madre? Ecco che la Chiesa madre che cura è una Chiesa che non si pone nemmeno il problema del chi curare. Del chi è dentro e chi è fuori. È universale come universale è la cura. Ci si deve educare a essere madri.

Santa Sede - Riforma dei media vaticani: convergenza digitale

Intervista a mons. Dario Edoardo Viganò

Maria Elisabetta Gandolfi, Guido Mocellin

Mons. Dario Edoardo Viganò, milanese, ha 54 anni ed è prete dal 1987. Teologo-semiologo particolarmente attento al linguaggio cinematografico, dopo aver collaborato a lungo con la Conferenza episcopale italiana è arrivato in Santa Sede nel 2013, quando Benedetto XVI lo ha chiamato a dirigere il Centro televisivo vaticano. Lo incontriamo presso la sede della Segreteria per la comunicazione, nata nel 2015 e della quale è stato nominato prefetto.

Cina - Santa Sede: il futuro del dialogo

Un punto di vista ecclesiologico

John Tong

Dopo anni di dialogo e negoziato tra i rappresentanti cinesi e la Santa Sede, pare sia stato raggiunto un consenso preliminare sull'annosa questione della nomina dei vescovi, e che e questo condurrà a un accordo tra le due parti. Secondo la dottrina cattolica, il papa rimane l’ultima e la più alta autorità nella nomina dei vescovi. Tuttavia non è affatto la fine della questione. Entrambe le parti hanno bisogno di continuare il dialogo sulla base della reciproca fiducia che si è sviluppata, per risolvere altri problemi, uno alla volta, con pazienza e positività.

 

Santa Sede - Cina: lentamente ...

Gianfranco Brunelli

Il lungo articolo dell’arcivescovo di Hong Kong, card. John Tong, apparso sul Sunday Examiner del 9 febbraio e che qui traduciamo, riveste una grande importanza. Esso, oltre a fare il punto sul processo di dialogo in atto tra Santa Sede e Cina, rappresenta il rovesciamento della linea politica del suo predecessore, il card. Joseph Zen, che era ispirata alla necessità per la Chiesa di un’opposizione frontale, in tema di libertà religiosa e di diritti umani, al regime di Pechino.

 

Europa - 60° del Trattato di Roma: extra euro nulla salus

Solo un’economia europea più integrata può dare risposta alle paure del continente

Mario Draghi
È un piacere essere oggi qui con voi per celebrare questa tappa fondamentale della storia del vostro paese e della nostra Unione. Sebbene gli ultimi anni siano stati difficili per la Slovenia, come lo sono stati per il resto d’Europa, potete guardare con orgoglio al percorso compiuto dalla vostra nazione. Dopo soli due anni dall’ingresso nell’UE siete stati in grado di...

Francia - Verso le presidenziali: certezza Le Pen

In una campagna elettorale incerta il Front national propone un modello sociale forte

Michele Marchi

La campagna elettorale che condurrà al voto del 23 aprile e al ballottaggio successivo del 7 maggio sta per entrare nella sua fase decisiva. Eppure non sono mancati momenti già piuttosto decisivi che hanno contribuito a delineare un quadro incerto e da molti definito caotico. Al momento ci sono infatti cinque candidati che, secondo i sondaggi, avrebbero concrete possibilità di raggiungere il ballottaggio. Si tratta del candidato di estrema sinistra Jean-Luc Mélenchon, di quello del Partito socialista Benoît Hamon, di quello «centrista» Emmanuel Macron, di quello post-gollista François Fillon e infine della candidata frontista Marine Le Pen.

Francia – Elezioni. C’era una volta «il» cattolico

Paolo Tomassone

A due mesi circa dalle elezioni presidenziali arriva un avviso ai candidati: non è mai stato così difficile prevedere il voto cattolico in Francia.

Guerre stellari

Riflessioni critiche su una nuova religione mondiale

Markus Pohlmeyer

Rogue One non è una fiaba, ed è bene che sia così. In questo film non c’è nulla che faccia sognare, ma induce piuttosto a riflettere. Non proclama alcuna religione, ed è bene che sia così (forse perché proprio quella catastrofe galattica ha evocato il fallimento della religione della Forza e dei suoi rappresentanti istituzionalizzati, l’ordine jedi?). Questo film non proclama alcuna metafisica, vuole solo fare soldi e per questo divertire in modo grandioso: è così, e questo non è nuovo, né stupisce. Quindi niente fiaba. Ma Rogue One mostra ciò che significa vivere sotto un impero galattico: distruzione di famiglie, prigioni, Lager, persecuzione, combattimenti porta a porta, guerra civile, armi di distruzione di massa, in breve tutte le forme della paura.

 

Scrivere su Star wars

M. Elisabetta Gandolfi

Uscito nelle sale italiane a metà del dicembre scorso, The Rogue One è una storia indipendente nella saga di Star wars, «una delle tante possibili nell’universo sviluppatosi dal Big Bang mentale di George Lucas» – scrive M. Cappi – e si colloca prima del IV episodio (Una nuova speranza) e dopo il III (La vendetta dei Sith).

 

Libri del mese / schede

Giancarlo Azzano, Luigi Bosi, Giacomo Coccolini, Maria Elisabetta Gandolfi, Flavia Giacoboni, Manuela Panieri, Niccolò Pesci, Valeria Roncarati, Daniela Sala, Domenico Segna, Paolo Tomassone
Sacra Scrittura, Teologia Gallazzi S., Rizzante A.M., La teologia delle donne alle quali Dio ha rivelato i suoi misteri, Il Segno dei Gabrielli, San Pietro in Cariano (VR) 2016, pp. 314, € 18,00. Convinti che la teologia non debba essere materia per i saggi e gli esperti ma possa provenire solo dai piccoli, gli aa., impegnati in Brasile a difesa dell’ambiente e dei diritti dei più...

Accorgimenti spirituali per lettori assetati

Classifica dei libri più venduti a gennaio nelle librerie religiose

Rebeccalibri
Solo l’amore crea - Fabio Rosini. San Paolo, pp. 208, € 9,90 ▲ Il nome di Dio è misericordia - Francesco (Jorge Mario Bergoglio), Andrea Tornielli. Piemme, pp. 120, € 15,00 ❊❊ L’arte di essere fragili - Alessandro D’Avenia. Mondadori, pp. 216, € 19,00 ▲▼ Gesù e le donne - Enzo Bianchi. Einaudi, pp. 136, € 17,00 ▲▼ Le nude domande del Vangelo...

E. Galli Della Loggia, Credere, tradire, vivere

Un viaggio negli anni della Repubblica

Niccolò Pesci

Un saggio che non esita a gettare uno sguardo severo sulla storia intellettuale e culturale dell’Italia repubblicana, il cui moralismo è responsabile, secondo l’autore, della paralisi che affligge il paese da troppo tempo.

 

G. Festa, M. Ranini (a cura di), L’ordine dei predicatori

I domenicani: storia, figure e istituzioni (1216-2016)

Domenico Segna

Il volume ha l’encomiabile merito di tentare lo sforzo di superare logori paradigmi, vale a dire le immagini storiografiche, letterarie, cinematografiche che, nel loro insieme, vogliono imporre un angusta prospettiva di un’istituzione ecclesiastica la quale, in realtà, nel corso dei suoi otto secoli non fu mai eguale a se stessa, anzi ha inequivocabilmente dimostrato una flessibilità, una duttilità nell’adattarsi ai cambiamenti della storia a dir poco sorprendenti.

 

R. Whitten, N. Henderson, Rosemary Nyrumbe. Cucire la speranza

La donna che ridà dignità alle bambine soldato

Gabriella Zucchi

«Love is the key!» (l’amore è la chiave) ha scritto suor Rosemary come dedica sulla mia copia del libro e su quella di altri intervenuti a una presentazione bolognese del volume. Questa religiosa ugandese della congregazione del Sacro cuore di Gesù ha dedicato tutte le sue forze per sostenere le vittime delle violenze dell'Lra, in particolare le ragazze sequestrate e rese strumenti di morte nelle foreste d'Africa. Scorrendo queste pagine, che raccontano drammi quasi inconcepibili, troviamo anche una grande storia comune di "redenzione" che ha restuito vita e dignità a migliaia di donne e di bambini.

N. Lecca, I colori dopo il bianco

Francesco Pistoia

Incontrare Nicola Lecca, scrittore nomade, leggere i suoi racconti che profumano di vita… significa immergersi nel mondo della vita. Il romanzo I colori dopo il bianco insegna che la felicità è possibile. Ma occorre disfarsi del passato, spogliarsi di pregiudizi che vengono da complicati contesti familiari e sociali: la felicità si raggiunge se si lotta e si conquista la libertà.

P. Sorrentino, Il peso di Dio

Il Vangelo di Lenny Belardo

Andrea Franzoni

Il volume raccoglie i dialoghi, le massime e le preghiere di Papa Pio XIII, interpretato da Jude Law, dal destabilizzante sogno iniziale fino al discorso finale tenuto da papa Belardo in piazza San Marco a Venezia, che chiude la prima stagione dello show, lasciando strategicamente incerto il destino del giovane papa americano.

 

A. D’Avenia, L’arte di essere fragili

Come Leopardi può salvarti la vita

Francesco Pistoia

D’Avenia ci aiuta a capire il mondo del Leopardi, i suoi dubbi e la sua incessante ricerca, il suo pensiero e la sua poesia; forse non ci restituisce un Leopardi afferrato dalla fede: ma rimane in questo senso significativa quella sua infinita inquietudine che sembra nutrirsi di religiosità biblica e che si lascia cogliere nei paesaggi, nelle notti lunari, nella Ginestra «che fiorisce nel deserto e fa fiorire il deserto», nei canti alla giovinezza e all’amore, nell’incessante aspirazione alla poesia che è luce e vita.

 

Anche se avessi torto

Mariapia Veladiano

Qui si parla del dolore che non si può nominare. Questo libro è come quelle musiche splendide e tremende che accompagnano la nostra vita.1 Sono diverse per ciascuno di noi ma si somiglia il loro essere così assolute che attirano e insieme respingono, perché ci trascinano in un punto di vita in cui troppe cose stanno insieme.

 

Stati Uniti - Europa: siamo tutti un po’ Trump

Come la gestione dell’immigrazione accomuna le due sponde dell’Atlantico

Maurizio Ambrosini

L’immigrazione è un tema politico ad alto tasso di implicazioni simboliche ed emotive: non per caso è diventato un argomento di punta nelle agende dei governi, dei partiti e dei candidati. L’aspetto correlato della sorveglianza dei confini è dal canto suo uno dei simboli residui di una sovranità nazionale erosa in più punti dai processi di globalizzazione economica e finanziaria.

 

Stati Uniti - Vescovi e Trump: giorni bui

L’era «America first» e la risposta della Chiesa

Massimo Faggioli

L’inizio della presidenza di Donald Trump non ha avuto nulla di consueto al di là del cerimoniale istituzional-religioso dell’inaugurazione del 20 gennaio. Il breve discorso del presidente, incentrato su «America first», non era un vuoto annuncio, ma il preludio a una serie di «executive orders». Per quanti speravano in una presidenza normale nel solco dei predecessori repubblicani è stato un brusco risveglio. Per quanti, cristiani e cattolici di orientamento conservatore, avevano visto nella sua elezione uno scampato pericolo, la prima settimana di Trump è, invece, iniziata in modo incoraggiante.

Orizzonte internazionale / temi religiosi nel mondo

La Croix International https://international.la-croix.com   Dall’esperienza digitale di Global Pulse Magazine e del suo direttore, R. Mickens, già corrispondente da Roma per The Tablet, dalla solidità editoriale del Gruppo editoriale Bayard, fondato nel 1870 dagli assunzionisti francesi e che pubblica il quotidiano La croix, e con la collaborazione di tre testate di lingua...

Cristiani nel mondo: perseguitati

Paolo Tomassone

Sono in aumento i numeri della persecuzione anticristiana nel mondo. Secondo l’ultimo rapporto dello statunitense Pew Research Center il 74% della popolazione mondiale vive in paesi (oltre 100) con un alto livello di restrizioni o ostilità nei confronti della religione.Il fenomeno è così vasto che si fatica a contenerlo nelle cronache quotidiane. L’organismo International Christian Concern (ICC) nel suo rapporto annuale Hall of Shame si è concentrata sui 12 paesi del mondo dove si possono identificare «i peggiori persecutori dei cristiani» e ha introdotto per la prima volta quest’anno la categoria «Nuovi e degni di nota», che comprende Stati Uniti, Russia e Messico.

Africa - CERNA: la radice dell’accoglienza

Enrico Casale

Si sono riuniti nel monastero benedettino di Keur Moussa (Senegal). Luogo di preghiera, meditazione e incontro tra culture e fedi (cristianesimo, islam, cultura dell’Africa occidentale). È in questo clima che i vescovi della Conferenza episcopale regionale dell’Africa del Nord (CERNA) hanno tenuto, tra il 2 e il 5 febbraio, la loro sessione annuale. La scelta del Senegal non è stata casuale. È un paese cerniera tra l’Africa subsahariana, travolta dai problemi del sottosviluppo, e l’Africa settentrionale, stretta tra instabilità politica (Libia), transizione democratica (Tunisia), regimi militari (Algeria ed Egitto), lotta per l’indipendenza (Sahara occidentale) e fondamentalismo islamico.

Africa - Gambia: un nuovo presidente

Giusy Baioni

Una fine imprevista e imprevedibile, quella che ha portato al rovesciamento definitivo del padre-padrone del Gambia. Una parabola che pareva eterna – al pari di tanti altri dittatori africani ininterrottamente ancorati al potere – come i ventidue anni della presidenza di Yahya Jammeh, iniziati con il colpo di stato del 1994. La sorpresa è arrivata il 1o dicembre, quando i risultati del voto hanno assegnato la vittoria allo sfidante Adama Barrow. Nessuno si aspettava che Jammeh telefonasse all’avversario per congratularsi. Ci si attendeva una qualche mossa per capovolgere il risultato del voto. E invece no: il dittatore capitolava, così, senza colpo ferire.

 

Australia - Chiesa cattolica: recuperare credibilità

Sarah Numico

Si sapeva ma si sono sempre coperti i fatti per tutelare la reputazione dell’istituzione anziché le migliaia di minori australiani vittime delle violenze anche sessuali subite nelle istituzioni delle diverse confessioni cristiane, nelle scuole, nelle associazioni sportive e ricreative di varia ispirazione. Nominati l’11 gennaio 2013 dall’allora governatrice generale dell’Australia, Quentin Bryce, i sei membri della Commissione d’inchiesta sulle risposte delle istituzioni alle violenze sessuali sui minori hanno dovuto indagare e verificare, senza entrare nello specifico dei singoli episodi, come le diverse istituzioni si sono attivate per rispondere alle denunce.

Chiesa luterana norvegese; FLM; Remo Cristallo; Forum cattolico-ortodosso europeo; Luterani finlandesi; CEC – Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso; CEC e FLM sul «Muslim ban» di Trump

Daniela Sala
Gennaio Chiesa luterana norvegese – Non più di stato. Dal 1° gennaio la Chiesa luterana norvegese cessa di essere Chiesa di stato, e non ha più come suo capo il re di Norvegia; il sovrano non nomina più il clero, che non è più pubblico ufficiale. Lo stato tuttavia continua a sostenere la Chiesa luterana, che rimane «Chiesa nazionale», così...

Nuovi Erode; Müller su Amoris laetitia; Accoglienza dei migranti; Sinodo sui giovani; Trump; Opus Dei; Ordine di Malta; Abbandoni dei religiosi; Terremotati

Luigi Accattoli
Gennaio 2017 Francesco ai nuovi Erode. Abbiamo bisogno di «coraggio» per proteggere «dai nuovi Erode» dei nostri giorni «l’innocenza dei nostri bambini. Un’innocenza spezzata sotto il peso del lavoro clandestino e schiavo, sotto il peso della prostituzione e dello sfruttamento. Innocenza distrutta dalle guerre e dall’emigrazione forzata con la perdita...

Dialogo interreligioso in Asia: condividere il mondo

Michael Amaladoss

Dopo le aperture del Vaticano II al dialogo con le altre religioni, l’Asia ha conosciuto una stagione di vivacità, in cui i teologi hanno sviluppato una teologia dell’armonia. Tuttavia oggi il dialogo interreligioso si è raffreddato, in parte a causa delle censure dogmatiche della Santa Sede nei confronti di molti di questi stessi teologi e in parte anche per l’irrigidimento di tutte le religioni nel momento in cui si dialoga sui principi. Con il pontificato di papa Francesco è venuto un nuovo momento propizio per riprendere il dialogo, questa volta però orientandolo non a un chiarimento previo sui principi ma a una prassi di trasformazione del mondo, e prendendo come interlocutori non più soltanto le diverse religioni, ma tutti gli uomini «di buona volontà», quindi anche le ideologie laiche, assumendo come punto di partenza la coscienza individuale. Ecco allora la proposta del teologo indiano Michael Amaladoss: in Asia «il contesto e l’obiettivo del dialogo oggi si articola nei termini del Regno, e non della Chiesa. Il Regno, pur avendo il suo riferimento religioso, è anche un ideale laico, di comunità di libertà, fratellanza e giustizia, che si rivolgerà a persone di tutte le religioni». Il Regno è potenzialmente tutto il mondo, e il sacro è diventato il secolare.

La statua della libertà

Il diritto alla fraternità

Piero Stefani

Un dialogo immaginario tra lo scultore francese Frédéric Auguste Bartholdi e la sua opera, la Statua della Libertà, il Colosso di New York che tiene in mano la fiaccola della libertà chiamata a illuminare il mondo intero.

Ai vescovi italiani - pedofilia; Al papa: gioia dell’Evangelo; Il Regno che continua

Noi Siamo Chiesa; Il gruppo «Nella gioia dell’Evangelo; Giancarla Codrignani
Ai vescovi italiani: Pubblicare i bilanci e agire per le vittime della pedofilia Caro direttore, abbiamo rivolto a tutti i membri del Consiglio episcopale permanente della CEI e a tutti i vescovi italiani una lettera che ti pregherei di pubblicare.   Cari fratelli vescovi, ci permettiamo di offrirvi alcune nostre riflessioni all’inizio del nuovo anno per il quale facciamo i più...

Le cantonate di Bergoglio

E degli accusatori

Luigi Accattoli

Gli anti-patizzanti del papa argentino segnalano ogni giorno gli errori che viene accumulando: di date, di nomi, di fatti. Ma portano acqua al mare stante l’abituale autocritica di Francesco che, intervistato il 22 gennaio da El País, ha sentenziato: «A volte prendo cantonate».