A
Attualità
Attualità, 12/2018, 15/06/2018, pag. 357

F. Marinetti, Caro Francesco

Giancarlo Azzano

L’autore già dalle prime righe dichiara d’essere debitore al pensiero e alle scelte di don Zeno, fondatore nel secondo dopoguerra della Comunità di Nomadelfia. È proprio dall’esperienza di questa piccola comunità – visitata da papa Francesco lo scorso 10 maggio –, formata da alcune famiglie, che ha preso corpo la riflessione di questo scritto.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-12

P.A. Carnemolla (a cura di), Edizione nazionale delle opere di Giorgio La Pira/1

Scritti giovanili

Giancarlo Azzano

La Fondazione G. La Pira ha promosso la pubblicazione delle opere del politico, intellettuale e uomo di fede che ha svolto un ruolo rilevante nella vita del nostro paese. Nato a Pozzallo, in Sicilia, nel 1904 e morto a Firenze nel 1977, La Pira ha lasciato un ricco archivio, importante per comprendere la politica e la cultura del secolo scorso. Il progetto editoriale prevede di pubblicare solo le opere che l’autore stesso aveva stabilito di dare alle stampe. Saranno quindi pubblicati 7 volumi.

 

Attualità, 2018-14

A. Ruccia, La parrocchia secondo l’Evangelii gaudium

Integrare, accompagnare, discernere

Giancarlo Azzano

La parrocchia è il crocevia del Vangelo, il luogo dell’incontro fra Dio e l’uomo. In questo tempo di cambiamento epocale, è proprio dalla sua presenza sul territorio che dipende l’evangelizzazione e la sua stessa sopravvivenza. L’autore, rifacendosi all’esortazione Evangelii gaudium, offre, con le sue riflessioni, indicazioni sia spirituali sia organizzative.

 

Attualità, 2018-4

G. Dossetti, Democrazia sostanziale

Giancarlo Azzano

In un tempo di fragilità del sistema politico e istituzionale italiano, questo libro è un utile strumento di riflessione. Il curatore ha raccolto gli interventi di Dossetti pronunciati nei primi anni del Dopoguerra, se si esclude l’ultimo, che risale al 1994 e che è una sua autobiografia intellettuale e morale.