A
Attualità
Attualità, 12/2018, 15/06/2018, pag. 357

F. Marinetti, Caro Francesco

Giancarlo Azzano

L’autore già dalle prime righe dichiara d’essere debitore al pensiero e alle scelte di don Zeno, fondatore nel secondo dopoguerra della Comunità di Nomadelfia. È proprio dall’esperienza di questa piccola comunità – visitata da papa Francesco lo scorso 10 maggio –, formata da alcune famiglie, che ha preso corpo la riflessione di questo scritto.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-16

G. La Pira, G.B. Montini, Scrivo all’amico

Carteggio (1930-1963)

Giancarlo Azzano

Le lettere che i due esponenti della vita politica ed ecclesiale si sono scambiati dal 1930 al 1963 mettono in luce la loro diversa personalità, ma anche sensibilità religiosa. La Pira, impegnato nel sociale e nella politica nazionale e internazionale; Montini, uomo delle istituzioni ecclesiastiche e attento e prudente interlocutore della vita politica. Nelle loro missive rivelano grande amicizia e stima reciproca, espresse sempre in un linguaggio formale.

Attualità, 2019-16

J. Mikrut (a cura di), Perseguitati per la fede

Le vittime del nazionalsocialismo in Europa centro-orientale

Giancarlo Azzano

Il libro – 6° ponderoso volume di una collana di «Storia della Chiesa in Europa centro-orientale», finanziata parzialmente dalla Conferenza episcopale USA e dall’associazione Aiuto alla Chiesa che soffre –, dimostra che questo proclama non si è avverato. Queste pagine rendono conto delle ragioni che hanno condotto molti fedeli cattolici, laici e religiosi, a testimoniare, pur avendo subito vessazioni fino alla morte, la fede in Cristo.

 

Attualità, 2019-12

P.A. Carnemolla (a cura di), Edizione nazionale delle opere di Giorgio La Pira/1

Scritti giovanili

Giancarlo Azzano

La Fondazione G. La Pira ha promosso la pubblicazione delle opere del politico, intellettuale e uomo di fede che ha svolto un ruolo rilevante nella vita del nostro paese. Nato a Pozzallo, in Sicilia, nel 1904 e morto a Firenze nel 1977, La Pira ha lasciato un ricco archivio, importante per comprendere la politica e la cultura del secolo scorso. Il progetto editoriale prevede di pubblicare solo le opere che l’autore stesso aveva stabilito di dare alle stampe. Saranno quindi pubblicati 7 volumi.