A
Attualità
Attualità, 16/2018, 15/09/2018, pag. 484

Omosessualità: parliamone!

Maria Elisabetta Gandolfi

Sono usciti in Italia uno dopo l’altro tre libri nel 2018 sull’omosessualità. Sono firmati da un gesuita (James Martin, Un ponte da costruire, Marcianum Press, Venezia), da un’associazione ecclesiale (Devenir un en Christ, Fede, omosessualità, Chiesa, EDB, Bologna) e da un laico (Daniel C. Mattson, Perché non mi definisco gay, Cantagalli, Siena). Il primo e il terzo provengono dagli Stati Uniti, il secondo dalla Francia. Sono un ottimo esempio di tre approcci al tema diversi tra loro ma non per questo autoescludentisi.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2018-20

Congregazione per le Chiese orientali, Oriente cattolico

Maria Elisabetta Gandolfi

Sono le Chiese del paradosso: le più antiche e le più martoriate, le più ricche di tradizioni anche molto diversificate e le più a rischio per la loro concreta esistenza. L’Atlante, che periodicamente la Congregazione per le Chiese orientali aggiorna, rende ragione di questa storia oggi fortemente compromessa dai conflitti endemici dell’area orientale e medio-orientale. 

Attualità, 2018-20

M. Veladiano, Lei

Maria Elisabetta Gandolfi

Un romanzo. Ardito. Perché penetra nel profondo della maternità (e della paternità) attraverso una madre particolarissima, Maria. Ardito per la scrittura che intreccia narrazione in prima persona, dialoghi, ricordi e versi poetici. Ardito perché il romanzo dà voce a colei che per eccellenza è stata pensata, raccontata, dipinta e pregata come madre di tutti e tutti se ne sono impossessati: nell’interpretazione, a volte scontata, nella teologia, nella preghiera popolare. 

Attualità, 2018-18

Santa Sede - Repubblica popolare cinese: l’accordo firmato

Maria Elisabetta Gandolfi

Oscurato dalla campagna mediatica firmata dall’ex nunzio Viganò, l’Accordo provvisorio tra la Santa Sede e la Repubblica popolare cinese sulla nomina dei vescovi firmato a Pechino il 22 settembre tra il sottosegretario per i rapporti della Santa Sede con gli stati, Antoine Camilleri, e il viceministro degli Affari esteri cinese, Wan Chao (cf. Regno-doc. 17,2018,526; Regno-att. 4,2018,70), è di gran lunga la notizia più importante che riguarda il Vaticano e il suo pluriennale sforzo diplomatico. A esso papa Francesco teneva in modo tutto particolare.