A
Attualità
Attualità, 18/2018, 15/10/2018, pag. 552

Africa - Jihadismo: la galassia africana

Enrico Casale

Tra il 17 e il 18 settembre padre Pier Luigi Maccalli, missionario della Società delle missioni africane, è stato sequestrato in Niger al confine con il Burkina Faso (cf. in questo numero a p. 553). Il suo rapimento ha riportato alla ribalta in Italia il fenomeno del jihadismo nel Sahel. È un dramma esploso l’11 settembre 2001 con l’attentato alle Torri gemelle di New York. E attorno a quell’episodio, attraverso la predicazione di Osama bin Laden, il verbo salafita assume un nuovo appeal in Medio Oriente e in Africa.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-14

Europa - Islam: al femminile

Enrico Casale

Donne, musulmane e guide religiose: ecco chi sono le murshidat, il poco conosciuto volto femminile dell’islam. Qualcuno le chiama «predicatrici», ma il loro ruolo è ben più ampio e la loro influenza nelle comunità è molto più profonda di quanto si possa immaginare.

 

Attualità, 2019-12

Medio Oriente - Israele: gli ultimi samaritani

Enrico Casale

Con la nascita dello Stato di Israele nel 1948, la comunità samaritana si divise in due centri: uno a Nablus (allora in Giordania) e uno a Holon, a sud di Tel Aviv (Israele). Oggi la comunità samaritana non conta più di 800 persone. Il governo di Tel Aviv ha concesso a tutti i membri la cittadinanza d’Israele. Nonostante ciò, tra chi vive a Tel Aviv e chi abita nella zona di Nablus esistono differenze marcate. I «samaritani di Tel Aviv» vivono nella società israeliana, prestano servizio militare nell’esercito con la Stella di Davide e parlano l’ebraico moderno.

Attualità, 2019-6

Africa - Medio Oriente: migrare come schiavi

Enrico Casale

Forma di schiavitù molto diffusa in tutto il Medio Oriente, la kafala di per sè sarebbe un istituto giuridico benemerito. Dal punto di vista teorico si tratta infatti di una sorta di affido di un bambino o di una bambina a un altro soggetto per farlo crescere in un ambiente famigliare positivo. In realtà si è trasformato in uno strumento d’oppressione perché è diventato un sistema di sponsorizzazione di un datore di lavoro rispetto a un migrante che da questo viene assunto.