A
Attualità
Attualità, 18/2018, 15/10/2018, pag. 554

Myanmar: riconoscere il genocidio

Stefano Vecchia

«L’esercito birmano deve essere rinviato a giudizio presso un tribunale internazionale» perché responsabile di «inconcepibili livelli di violenza» contro i musulmani rohingya, costretti alla fuga in 700.000 verso il Bangladesh nel tentativo di espellerli dal Myanmar perché non gli si vuol riconoscere la cittadinanza. Sono queste le affermazioni di una responsabilità sostenuta a metà settembre davanti al Consiglio ONU per i Diritti umani da Marzuki Darusman, presidente della Missione d’indagine sul Myanmar.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-14

Asia - Myanmar: no alla diga

Stefano Vecchia

Concentrato sulla situazione dello Stato occidentale di Rakhine (Arakan), scosso da violenze interetniche e spopolato della minoranza rohingya per la brutale repressione militare; sconcertato dall’apparente divergenza della leader Aung San Suu Kyi dalle posizioni che le avevano fatto meritare il premio Nobel per la Pace nel 1991, il mondo sembra avere dimenticato i drammi che lo sviluppo – per decenni limitato e gestito in favore delle forze armate – ha portato a un paese dalle grandi potenzialità ma ancora oggi diviso da troppi interessi in conflitto.

 

Attualità, 2019-14

Asia - Cina: sostiene Hong Kong

Stefano Vecchia

Basta «manganelli o canteremo Alleluia al Signore». Una battuta ironica che fa riferimento a un canto religioso è suonata come una minaccia rivolta alla polizia, scritta su un cartellone che svettava nella marea dei manifestanti che in giugno hanno riempito le strade di Hong Kong. Una conferma del ruolo che le religioni stanno giocando nel braccio di ferro in corso nell’ex colonia britannica, da 22 anni Regione autonoma speciale della Repubblica popolare cinese, alle prese con una nuova crisi.

 

Attualità, 2019-12

Corea del Sud: guardando al Nord

Stefano Vecchia

Dal 18 al 22 maggio scorsi si è tenuto a Seoul il Forum 2019 per la condivisione della pace nella Penisola coreana, organizzato congiuntamente dalla locale arcidiocesi, da cui dipende la Chiesa cattolica in Corea del Nord, e da organismi governativi. Tema dell’evento, che ha avuto come sede l’aula magna del campus Songsin dell’Università cattolica coreana, è stato «La cultura della pace: un cammino per la penisola coreana».