A
Attualità
Attualità, 20/2018, 15/11/2018, pag. 622

Asia -Thailandia: pakistani indesiderati

Stefano Vecchia

La Thailandia viene abitualmente considerata un paese accogliente verso gli stranieri, anche quelli in condizioni d’irregolarità. Tuttavia, negli ultimi tempi, il regime erede del colpo di stato militare del maggio 2014 va stringendo le maglie nei confronti, in particolare, di stranieri di origini africana e indiana. A questo secondo gruppo appartiene una comunità formata da migliaia di pakistani in fuga dalla persecuzione religiosa che soprattutto a Bangkok cercano, in una realtà buddhista dove le minoranze religiose non sono perseguitate, un rifugio dall’assedio che nel paese d’origine subiscono da parte dell’islamismo estremista.

 

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-8

India - Chiesa cattolica: Mulakkal incriminato

Stefano Vecchia

La polizia indiana ha deciso il rinvio a giudizio di mons. Franco Mulakkal, vescovo di Jalandhar. Lo ha fatto il 9 aprile davanti al magistrato del tribunale di Kottayam, città dello Stato meridionale del Kerala nel cui distretto ha sede il convento di Kuravilangad a cui appartiene la suora che sarebbe stata vittima di stupro e altri reati per cui il prelato è stato denunciato nel giugno 2018.

 

Attualità, 2019-8

Asia - Myanmar: la stretta su San Suu Kyi

Stefano Vecchia

Si fa sempre più caotica la situazione nello Stato del Rakhine. Ora sono i buddhisti, maggioranza della popolazione, a subire la violenza dei generali. L’Esercito dell’Arakan (nazionalista) ha infatti lanciato il 4 gennaio un’offensiva uccidendo 13 persone in attacchi a posti di polizia frontaliera. Sollecitando così una reazione dell’esercito nazionale che ha fatto almeno altrettante vittime tra i ribelli e ha costretto alla fuga, secondo fonti ONU, oltre 5.000 persone.

 

Attualità, 2019-8

Thailandia - Elezioni: tempi incerti

Stefano Vecchia

Chiamata alle urne il 24 marzo per le elezioni parlamentari che dovevano essere nei fatti un referendum sul ruolo delle forze armate, la Thailandia potrebbe essere avviata a un nuovo tempo di crisi. Il 9 maggio è prevista infatti la diffusione dei risultati ufficiali dopo l’incoronazione del nuovo sovrano, Rama X, a due anni e mezzo dalla morte dell’amato e rispettato predecessore.