A
Attualità
Attualità, 20/2018, 15/11/2018, pag. 623

Bangladesh - Chiesa cattolica: la sfida giovani

Stefano Vecchia

Contrariamente a quanto si può pensare, quella del Bangladesh oggi è una società competitiva, ancor più per chi appartiene a minoranze che si trovano potenzialmente soggette a discriminazioni e che quindi devono ancor più dimostrare capacità e impegno.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2018-20

Asia -Thailandia: pakistani indesiderati

Stefano Vecchia

La Thailandia viene abitualmente considerata un paese accogliente verso gli stranieri, anche quelli in condizioni d’irregolarità. Tuttavia, negli ultimi tempi, il regime erede del colpo di stato militare del maggio 2014 va stringendo le maglie nei confronti, in particolare, di stranieri di origini africana e indiana. A questo secondo gruppo appartiene una comunità formata da migliaia di pakistani in fuga dalla persecuzione religiosa che soprattutto a Bangkok cercano, in una realtà buddhista dove le minoranze religiose non sono perseguitate, un rifugio dall’assedio che nel paese d’origine subiscono da parte dell’islamismo estremista.

 

 

Attualità, 2018-20

Santa Sede - Corea: l’invito

Stefano Vecchia

È sicuramente di rilievo, e per molti aspetti sorprendente, l’invito del leader nordcoreano Kim Jong-un al pontefice, mediato dalla Corea del Sud e comunicato a Francesco dal presidente sudcoreano Moon Jae-in durante la visita in Vaticano il 17-18 ottobre. Potrebbe rappresentare una svolta, anche se occorre attendere altri sviluppi concreti.

 

Attualità, 2018-18

Myanmar: riconoscere il genocidio

Stefano Vecchia

«L’esercito birmano deve essere rinviato a giudizio presso un tribunale internazionale» perché responsabile di «inconcepibili livelli di violenza» contro i musulmani rohingya, costretti alla fuga in 700.000 verso il Bangladesh nel tentativo di espellerli dal Myanmar perché non gli si vuol riconoscere la cittadinanza. Sono queste le affermazioni di una responsabilità sostenuta a metà settembre davanti al Consiglio ONU per i Diritti umani da Marzuki Darusman, presidente della Missione d’indagine sul Myanmar.