A
Attualità
Attualità, 20/2018, 15/11/2018, pag. 620

Brasile - Elezioni: indietro tutta

Mauro Castagnaro

Un terremoto politico. Questo il risultato delle elezioni parlamentari e presidenziali del 7 e 28 ottobre, pur viziate dall’esclusione dell’ex presidente della Repubblica Luiz Inácio Lula da Silva, di gran lunga il politico più popolare nel paese e secondo i sondaggi destinato a vincere al primo turno, ma condannato a 12 anni di carcere per «corruzione passiva» in un procedimento giudiziario ritenuto da molti persecutorio.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-2

America Latina - Verso il Sinodo panamazzonico: sarà coraggioso

Intervista a Mauricio Lopez Oropeza

Mauro Castagnaro

A colloquio con Mauricio Lopez Oropeza, segretario esecutivo della Rete ecclesiale panamazzonica (REPAM). Il Regno lo ha intervistato in qualità di membro del Consiglio presinodale nominato dal papa in vista dell’Assemblea speciale del Sinodo dei vescovi che in ottobre sarà dedicata ad «Amazzonia: nuovi cammini per la Chiesa e per un’ecologia integrale» (cf. anche in questo numero a p. 14).

 

Attualità, 2018-22

America Latina - Perù: risvegliare la Chiesa

Intervista al card. Pedro Barreto Jimeno, arcivescovo di Huancayo

Mauro Castagnaro

Il 9 dicembre i peruviani sono stati chiamati alle urne per un referendum su 4 riforme costituzionali, proposte dal presidente della Repubblica, Martin Vizcarra, per combattere la corruzione, che nei mesi scorsi ha coinvolto i vertici dello stato. In vista della consultazione, Il Regno ha incontrato il card. Pedro Barreto Jimeno, arcivescovo di Huancayo e vicepresidente della Conferenza episcopale peruviana (CEP).

 

Attualità, 2018-22

America Latina - Cuba: la Costituzione discussa

Mauro Castagnaro

Oltre 8,5 milioni di cubani saranno chiamati il 24 febbraio alle urne per il referendum sulla riforma costituzionale che, varata in luglio dall’Assemblea nazionale del potere popolare e poi discussa in 135.000 assemblee sui luoghi di lavoro, nelle scuole, nelle caserme ecc. (con la possibilità data ai cubani all’estero di esprimersi anche via Internet), tornerà in Parlamento all’inizio del 2019 per la stesura finale.