A
Attualità
Attualità, 20/2018, 15/11/2018, pag. 616

Fondazione Migrantes - Italiani all’estero: cinque milioni

Sabrina Magnani

Presentato a Roma lo scorso 24 ottobre, il XIII Rapporto degli italiani all’estero, curato dalla Fondazione Migrantes conferma l’accelerato aumento degli italiani che scelgono un altro stato dove vivere: a fine 2017 se ne contavano oltre 5 milioni e 100.000, ben 2 milioni in più rispetto ai circa 3 milioni del 2006, un trend (+64,7%) che è andato di pari passo con l’acuirsi della crisi economica e occupazionale.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2018-10

Armi - Rapporto SIPRI 2018: direzione Est

Sabrina Magnani

È del 2 maggio il rapporto annuale del SIPRI, lo storico istituto internazionale di ricerca sulla pace di Stoccolma, che attesta la cifra record nell’ultimo quinquennio delle spese per sistemi d’arma: 1.739 miliardi di dollari nel 2017, pari al’1,1% in più rispetto all’anno precedente. Si tratta del 2,2% del PIL mondiale, una percentuale che non era mai stata raggiunta da inizio millennio. Tra i paesi importatori primeggiano invece l’India, l’Arabia Saudita, l’Egitto, gli Emirati Arabi Uniti e la Cina: da soli, costituiscono il 35% dell’intero import mondiale.

 

Attualità, 2018-6

Diritti umani - Rapporto Amnesty 2017: ancora a rischio

Sabrina Magnani

Conflitti, autoritarismi e repressioni, discriminazione verso i migranti, politiche di austerità, violenza on-line: nell’anno in cui si celebreranno i 70 anni della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, la situazione a livello mondiale è critica. È quanto si evince del rapporto annuale di Amnesty International pubblicato a gennaio.

Attualità, 2018-4

Niger – Intervento italiano: il «no» di Pax Christi e dei missionari

Sabrina Magnani

Le date sono significative, specie quando ricorrono a distanza di molto tempo. È quello che ha notato anche don Renato Sacco, coordinatore nazionale di Pax Christi, in occasione dell’approvazione alla Camera della missione militare italiana in Niger lo scorso 17 gennaio. La stessa data in cui ebbe inizio la prima guerra del Golfo, nel 1991.