A
Attualità
Attualità, 20/2018, 15/11/2018, pag. 577

Francesco - Il Regno: il Concilio si sta realizzando

Gianfranco Brunelli

Desideriamo condividere con i nostri lettori una giornata importante per la rivista Il Regno. Giovedì 15 novembre il santo padre papa Francesco ha ricevuto in udienza privata il direttore della rivista Gianfranco Brunelli. Era la prima volta. Si tratta di un riconoscimento importante che il papa ha voluto fare al lavoro che la rivista ha svolto, sin dagli inizi della sua storia e poi per tutto il periodo conciliare e postconciliare.

Desideriamo condividere con i nostri lettori una giornata importante per la rivista Il Regno.

Giovedì 15 novembre il santo padre papa Francesco ha ricevuto in udienza privata il direttore della rivista Gianfranco Brunelli. Era la prima volta. Si tratta di un riconoscimento importante che il papa ha voluto fare al lavoro che la rivista ha svolto, sin dagli inizi della sua storia e poi per tutto il periodo conciliare e postconciliare.

Il Regno è stato ed è la rivista del Concilio. «Aperta, vivace, pronta a sentire il respiro della Chiesa, a coglierlo, a interpretarlo», l’aveva definita il card. Lercaro nel 1962. «In sintonia con la Chiesa e con questo pontificato», l’ha accolta papa Francesco. «Il Concilio sta andando avanti – ha detto Francesco –, sta dando i suoi frutti. Certo ci sono le difficoltà! Ma fra qualche tempo quelle difficoltà ci appariranno come secondarie. La Chiesa procede sulle vie tracciate dal Concilio. Coraggio! Grazie per il vostro lavoro».

Questo pontificato, per la provenienza stessa del papa, per la sua carica di evangelica radicalità è certamente il frutto del concilio Vaticano II (cf. in questo numero a p. 627), della sua visione universale e del tentativo d’aprire la forma Ecclesiae all’uomo nella sua attuale vicenda concreta. Papa Francesco sta dando nuovo slancio all’affermazione conciliare che la storia della salvezza abbraccia tutta la storia dell’umanità nella sua unità, cosicché la rivelazione, la grazia e la fede sono ovunque possibili e l’annuncio evangelico risuona ancora udibile nelle coscienze.

Il cordiale ringraziamento del papa corrisponde non solo a un riconoscimento, ma a un’ulteriore e autorevole spinta a continuare, nella forma della responsabilità e del rinnovamento, un lavoro d’informazione e di documentazione che sia il più possibile libero e fedele.

Tipo Articolo
Tema Francesco
Area EUROPA
Nazioni

Leggi anche

Attualità, 2019-8

Santa Sede - Papa emerito: il difficile equilibrio

Tra storia ed escatologia

Gianfranco Brunelli

Il testo che il vescovo emerito di Roma, Benedetto XVI, ha reso noto l’11 aprile scorso «sulla crisi della fede e della Chiesa» a motivo della «diffusione delle sconvolgenti notizie di abusi commessi da chierici su minori» ha colto di sorpresa molti, provocando forti reazioni.

 

Attualità, 2019-6

Politica in Italia: la resistibile ascesa di Salvini

La smobilitazione dei 5 Stelle e la difficile ripresa del PD

Gianfranco Brunelli

Alcune elezioni regionali (Abruzzo e Sardegna) e l’elezione del nuovo segretario del PD (Nicola Zingaretti) segnano una qualche ripresa di movimento nell’attività politica nazionale, a un anno di distanza dalle elezioni politiche del 4 marzo 2018, che portarono, dopo un’impasse durata oltre un mese, alla formazione di un governo Lega-M5S, frutto di un accordo di potere tra due partiti «reazionari» di diverso orientamento e interesse (cf. Regno-att. 8,2018,193).

 

Attualità, 2019-4

Chiesa in Italia - Il tempo di un sinodo nazionale

Gianfranco Brunelli

Perché abbiamo chiesto e chiediamo un sinodo nazionale della Chiesa italiana? Di fronte allo sbandamento del paese, alle difficoltà non solo economiche ma anche sociali, culturali e morali, la Chiesa non può tacere. La Chiesa non è altrove. Esclusa ogni ripresa di partito cattolico o d’intervento politico diretto, sconsigliato il primo dalla storia e sbagliato per la Chiesa il secondo dal punto di vista dottrinale, serve tuttavia una grande mobilitazione nazionale di tutto il popolo di Dio su un piano propriamente ecclesiale.

Dopo essere intervenuti già nel 2015 in occasione del Convegno ecclesiale nazionale di Firenze, indicando nello strumento di un sinodo nazionale della durata di almeno un biennio lo strumento più adeguato per recepire i criteri pastorali del pontificato di papa Francesco e ricollegarsi al paese sempre più separato, la rivista Il Regno ribadisce come quella proposta si sia fatta oggi necessaria, anzi urgente.

Un sinodo nazionale non si è mai fatto. Il pontificato di papa Francesco apre a questa possibilità pastorale; l’emergenza del paese lo esige. Un sinodo della Chiesa aperto a tutti, che affronti i grandi nodi culturali ed ecclesiali che oggi s’impongono di fronte alla perdita di un ethos collettivo, all’emergere di pulsioni disgregative della società, alla svolta antropologica in atto.