A
Attualità
Attualità, 20/2018, 15/11/2018, pag. 577

Francesco - Il Regno: il Concilio si sta realizzando

Gianfranco Brunelli

Desideriamo condividere con i nostri lettori una giornata importante per la rivista Il Regno. Giovedì 15 novembre il santo padre papa Francesco ha ricevuto in udienza privata il direttore della rivista Gianfranco Brunelli. Era la prima volta. Si tratta di un riconoscimento importante che il papa ha voluto fare al lavoro che la rivista ha svolto, sin dagli inizi della sua storia e poi per tutto il periodo conciliare e postconciliare.

Desideriamo condividere con i nostri lettori una giornata importante per la rivista Il Regno.

Giovedì 15 novembre il santo padre papa Francesco ha ricevuto in udienza privata il direttore della rivista Gianfranco Brunelli. Era la prima volta. Si tratta di un riconoscimento importante che il papa ha voluto fare al lavoro che la rivista ha svolto, sin dagli inizi della sua storia e poi per tutto il periodo conciliare e postconciliare.

Il Regno è stato ed è la rivista del Concilio. «Aperta, vivace, pronta a sentire il respiro della Chiesa, a coglierlo, a interpretarlo», l’aveva definita il card. Lercaro nel 1962. «In sintonia con la Chiesa e con questo pontificato», l’ha accolta papa Francesco. «Il Concilio sta andando avanti – ha detto Francesco –, sta dando i suoi frutti. Certo ci sono le difficoltà! Ma fra qualche tempo quelle difficoltà ci appariranno come secondarie. La Chiesa procede sulle vie tracciate dal Concilio. Coraggio! Grazie per il vostro lavoro».

Questo pontificato, per la provenienza stessa del papa, per la sua carica di evangelica radicalità è certamente il frutto del concilio Vaticano II (cf. in questo numero a p. 627), della sua visione universale e del tentativo d’aprire la forma Ecclesiae all’uomo nella sua attuale vicenda concreta. Papa Francesco sta dando nuovo slancio all’affermazione conciliare che la storia della salvezza abbraccia tutta la storia dell’umanità nella sua unità, cosicché la rivelazione, la grazia e la fede sono ovunque possibili e l’annuncio evangelico risuona ancora udibile nelle coscienze.

Il cordiale ringraziamento del papa corrisponde non solo a un riconoscimento, ma a un’ulteriore e autorevole spinta a continuare, nella forma della responsabilità e del rinnovamento, un lavoro d’informazione e di documentazione che sia il più possibile libero e fedele.

Tipo Articolo
Tema Francesco
Area EUROPA
Nazioni

Leggi anche

Attualità, 2018-16

Sicilia - Francesco ai mafiosi: perderete la vita

Gianfranco Brunelli

Il 15 settembre scorso, papa Francesco ha fatto visita alla Sicilia. A Piazza Armerina (Enna) e a Palermo. La visita celebra il 25°anniversario dell’assassinio di don Pino Puglisi, riconosciuto nove anni fa dalla Chiesa di papa Benedetto XVI martire della fede e della carità per la sua testimonianza resa di fronte a quella struttura di morte che è la mafia. La visita del papa cade anche a 25 anni di distanza da un’altro viaggio: quello di Giovanni Paolo II, compiuto nel maggio del 1993. In vista di questa duplice ricorrenza, anche la Conferenza episcopale siciliana ha pubblicato nel maggio scorso una lettera pastorale dal titolo Convertitevi! (Regno-doc. 11, 2018, 372). La Chiesa di Sicilia cerca di mantenere il punto sul tema della mafia.

 

Attualità, 2018-14

Card. Jean-Louis Tauran (1943-2018): immaginò Francesco

Ricordo grato del cardinale francese costruttore di ponti, diplomatico di tre papi

Gianfranco Brunelli

Il 5 luglio scorso è morto negli Stati Uniti, dove si era recato per le cure periodiche, il card. Jean-Louis Tauran, presidente del pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso e camerlengo della Chiesa cattolica dal 2014. La Santa Sede perde uno dei suoi membri più autorevoli e colti. Uno dei maggiori diplomatici, cresciuto nella linea del dialogo dei cardinali riformatori Agostino Casaroli e Achille Silvestrini. La nostra rivista ricorda la scomparsa di un amico col quale ha sviluppato un dialogo assiduo e costante fin dalla fine degli anni Ottanta.

 

Attualità, 2018-12

Politica in Italia: il governo delle avventure

Nasce l’esecutivo Lega – 5Stelle. Un’incognita per il paese

Gianfranco Brunelli

Dopo una crisi politica e istituzionale, lunga 89 giorni, nasce in Italia un governo social-nazionalista, formato da Lega e Movimento 5Stelle. I due partiti che hanno ottenuto il risultato elettorale migliore alle elezioni del 4 marzo, pur essendo stati sin qui elettoralmente e politicamente in competizione, hanno firmato un contratto di governo che cerca d’assemblare le parti propagandistiche più vantaggiose dei rispettivi programmi.