A
Attualità
Attualità, 20/2018, 15/11/2018, pag. 611

M. Veladiano, Lei

Maria Elisabetta Gandolfi

Un romanzo. Ardito. Perché penetra nel profondo della maternità (e della paternità) attraverso una madre particolarissima, Maria. Ardito per la scrittura che intreccia narrazione in prima persona, dialoghi, ricordi e versi poetici. Ardito perché il romanzo dà voce a colei che per eccellenza è stata pensata, raccontata, dipinta e pregata come madre di tutti e tutti se ne sono impossessati: nell’interpretazione, a volte scontata, nella teologia, nella preghiera popolare. 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-12

Francesco - Romania: antologia di un viaggio

I rom, l’Europa, l’emigrazione. Ma soprattutto l’ecumenismo

Maria Elisabetta Gandolfi

Possiamo individuare tre nuclei principali del recente viaggio del papa in Romania (31.5-2.6): l’Europa e le ideologie, l’emigrazione, l’ecumenismo. Nella tradizione non scritta delle conferenze stampa in aereo di ritorno dai viaggi, grazie alle domande dei giornalisti emergono sempre, oltre ai temi d’attualità più generale, le impressioni del pontefice, le sottolineature degli incontri personali, anche gli aspetti non detti nei testi ufficiali.

 

Attualità, 2019-12

Europa - Estonia: il passato ancora pesa

Intervista a mons. Philippe Jean-Charles Jourdan

Maria Elisabetta Gandolfi

Dopo le elezioni europee, proseguiamo la carrellata sui paesi al confine Est dell’Europa, per comprendere come stia modificandosi la percezione sia della presenza della minoritaria Chiesa cattolica sia del senso stesso dell’istituzione europea. Per questo abbiamo contattato mons. Ph. Jourdan, classe 1960, dal 2005 amministratore apostolico del paese. 

 

Documenti, 2019-11

Chiesa e violenze sessuali, le norme evolvono

Maria Elisabetta Gandolfi

Sino all’indomani della celebrazione del vertice in Vaticano dedicato a «La protezione dei minori nella Chiesa» (21-24.2), i due poli su cui si basava la legislazione canonica sulle violenze sessuali su minori oscillavano tra una gestione locale legata alle diocesi e quella centrale, gestita dai dicasteri di curia romani, primo fra tutti la Congregazione per la dottrina della fede.