A
Attualità
Attualità, 4/2018, 15/02/2018, pag. 81

ATI: colleghe teologhe

Simona Segoloni Ruta

I 50 anni di vita dell’ATI sono una buona occasione per riflettere anche sulla possibilità che l’ATI ha dato alle donne che volevano pensare la fede. Infatti se le donne hanno sempre pensato la propria fede e, quando ne hanno avuto i mezzi per gentile concessione del sistema, hanno espresso questo pensare in scritti e parole significativi, solo molto di recente hanno avuto accesso all’ambiente accademico.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-8

Liturgia - COVID-19: senza prete no, senza popolo sì?

Considerazioni anche ripensando al Sinodo panamazzonico

Simona Segoloni Ruta

Eucaristie «a porte chiuse» per evitare il contagio: risonanze a bassa voce su una scelta d’emergenza che forse svela ciò che veramente pensiamo della liturgia e dell’essere Chiesa che celebra. Finito il periodo d’isolamento bisognerà riparlarne. Per la prima volta la Chiesa deve fronteggiare una pandemia gestita con criteri scientifici, che consigliano l’isolamento delle persone. La situazione è difficile, a tratti inquietante, e merita tutto il nostro rispetto e la nostra attenzione a cominciare dalla vicinanza (come possibile) a chi soffre ed è più solo.