A
Attualità
Attualità, 4/2018, 15/02/2018, pag. 71

Francesco - Viaggio in Cile e Perù: recuperare credibilità

Dignità dei popoli, dignità delle vittime

Gabriella Zucchi

Amazzonia: un territorio di 6 milioni di chilometri quadrati, che interessa 9 stati. Eppure, malgrado dal 1980 a oggi i viaggi papali in questi paesi, complessivamente, siano stati 17, nessun pontefice aveva ancora calpestato il suolo di questa amplissima e per certi versi ancora misteriosa area del mondo.1 Vi è giunto ora Francesco, il papa sudamericano, il papa dell’enciclica Laudato si’ sulla cura della casa comune.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2018-10

Messico - Chiesa: preti e giornalisti nel mirino

Gabriella Zucchi

In questo 2018 sono già 5 i sacerdoti morti in Messico a seguito d’atti di violenza. Mentre si contano a centinaia le minacce e le estorsioni contro sacerdoti e vescovi. Proprio all’infelice epilogo di un sequestro è legato l’ultimo decesso: quello dell’ultra ottantenne José Moisés Fabile Reyes, cappellano emerito della basilica nazionale Santa Maria di Guadalupe, sequestrato il 3 aprile, morto per infarto durante la prigionia e ritrovato il 25 dello stesso mese dietro il pagamento del riscatto da parte della famiglia.

Attualità, 2018-8

Costa Rica: Alvarado presidente

Gabriella Zucchi

Contro le previsioni della vigilia, che lo davano per favorito (cf. Regno-att. 6,2018,153), il 1° aprile Fabricio Alvarado, leader religioso evangelico del Partido restauración nacional (PRN), ultraconservatore, non ha vinto il secondo turno delle elezioni presidenziali in Costa Rica. Con il 60,79% dei consensi, la vittoria è andata a Carlos Alvarado, scrittore e politologo del socialdemocratico e progressista Partido acción ciudadana (PAC).

Attualità, 2018-6

Colombia - Elezioni: spiragli di democrazia

Gabriella Zucchi

L'11 marzo i colombiani sono andati alle urne per rinnovare il Congresso della Repubblica con la più alta affluenza della storia delle elezioni legislative; un 48% (+5%) favorito soprattutto dalle maggiori garanzie di sicurezza: per la prima volta nessun seggio ha subito atti di violenza da parte di organizzazioni armate.