A
Attualità
Attualità, 4/2018, 15/02/2018, pag. 113

La Lettera a Diogneto oggi: il paradosso del cristiano

Fabio Ruggiero

È opportuno riprendere in mano la cosiddetta Lettera a Diogneto. A più di cinquant’anni dalla sua conclusione vale la pena domandarsi ancora perché il Vaticano II, per compiere «un vero e proprio “balzo in avanti”» nella «missione verso il mondo», decise di ritornare alle fonti: la Scrittura, innanzitutto, e poi la tradizione patristica. Questo breve testo – il cui manoscritto ha subito una rocambolesca vicenda tra acquisti, perdite e ritrovamenti – pone, infatti, un invito «mirabile e paradossale» (F. Ruggiero) al tempo stesso per la vita del cristiano: quello a stare nel mondo ma a non essere del mondo.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2018-4

A Diogneto - Storia del manoscritto: una riscoperta avventurosa

Fabio Ruggiero

È nella Costantinopoli degli anni tra il 1435 e il 1437, dunque ormai prossima a cadere nelle mani del sultano ottomano, che vede la luce la storia moderna, e tuttavia storia dai tratti incerti e dai contorni poco illuminati, dell’unico manoscritto (usualmente indicato con la sigla «A», dal nome latino dell’ultima sede in cui è stato custodito, Strasburgo) che ha conservato l’A Diogneto.

 

Attualità, 2017-20

Italia - Manlio Simonetti (1926-2017): il patrologo gentile

Fabio Ruggiero

Il 2 novembre scorso si è spento nella sua Roma Manlio Simonetti, uno dei massimi conoscitori in senso assoluto del cristianesimo antico. Nato il 2 maggio 1926, fu allievo alla Sapienza di Ettore Paratore, di cui divenne presto assistente e da cui fu indirizzato allo studio della letteratura cristiana antica.

Attualità, 2015-10

Italia - Scuola e classici: perché ricordare Gentili

Fabio Ruggiero

Ebbi la fortuna di conoscere Gentili a metà degli anni Ottanta e d’essere onorato da subito della sua sincera e affettuosa amicizia. Avevo preparato una traduzione completa dei frammenti di Archiloco di Paro e, conscio del fatto che egli era uno dei massimi esperti a un tempo di lirica greca e di traduzione di testi poetici classici, gli scrissi, inviandogli il mio lavoro. Con una certa mia sorpresa, egli mi rispose prestissimo, con una telefonata calorosa, nella quale mi disse che la traduzione gli era piaciuta e che desiderava conoscermi.