A
Attualità
Attualità, 12/2019, 15/06/2019, pag. 366

Corea del Sud: guardando al Nord

Stefano Vecchia

Dal 18 al 22 maggio scorsi si è tenuto a Seoul il Forum 2019 per la condivisione della pace nella Penisola coreana, organizzato congiuntamente dalla locale arcidiocesi, da cui dipende la Chiesa cattolica in Corea del Nord, e da organismi governativi. Tema dell’evento, che ha avuto come sede l’aula magna del campus Songsin dell’Università cattolica coreana, è stato «La cultura della pace: un cammino per la penisola coreana».

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-4

Asia - Myanmar: la condanna

Stefano Vecchia

Il 5 febbraio, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite non è riuscito a raggiungere una posizione comune su un comunicato che avrebbe costretto il Myanmar (ex Birmania) ad adeguarsi alla richiesta della Corte internazionale di giustizia di fermare le uccisioni e le atrocità contro i rohingya. A opporsi: la Repubblica popolare cinese, antico alleato, e il Vietnam, che assieme al Myanmar fa parte dell’Associazione delle nazioni del Sud-est asiatico, ASEAN.

 

Attualità, 2020-2

India - Orissa: qui è difficile essere cristiani

Reportage dal cuore tribale dell’India

Stefano Vecchia

In Orissa induismo, animismo, cristianesimo e le altre minoranze religiose sembrano poter convivere, anche se ciò avviene grazie alla loro separazione territoriale, in parte dovuta all’ambiente, in parte alla diffidenza se non alla rivalità tra etnie. Ma per il 7% di cristiani, che si stima sia presente sul territorio, la convivenza con il resto della popolazione e soprattutto la piena espressione della propria fede sono questioni ancora critiche.

 

Attualità, 2019-22

Francesco - Viaggio in Thailandia e Giappone: costruire vera armonia

Cronaca del recente viaggio pontificio

Stefano Vecchia

Il 32° viaggio apostolico di papa Francesco e il suo 4° in Asia ha toccato due paesi significativi del continente, anche se per motivi diversi. Dissimili per quanto riguarda regimi politici, storia, cultura, abitudini, climi e sviluppo, in qualche modo simili per un’apparente apertura al dialogo e alle altre culture, ma anche per la difficoltà a essere compresi in maniera profonda. Una sfida particolarmente significativa per la missione e in generale per la vita della Chiesa cattolica in loco, da molti percepita come straniera, se non addirittura estranea.