A
Attualità
Attualità, 2/2019, 15/01/2019, pag. 44

Africa - Sudan: in rivolta

Giusy Baioni

In Italia se ne è parlato solo per l’arresto lampo della giornalista di Articolo 21 Antonella Napoli, da anni impegnata nel paese: la polizia l’ha fermata, le ha sequestrato tutto il girato e l’ha rilasciata. Sullo sfondo, le manifestazioni scoppiate in Sudan il 19 dicembre, il giorno dopo l’annuncio del governo di voler triplicare il prezzo del pane (da 1 a 3 libbre sudanesi). È bastato un niente perché si passasse dalle proteste per l’aumento del pane alla richiesta di dimissioni di Omar al-Bashir, giunto al potere nel 1989 con un colpo di stato, con cui rovesciò il primo ministro democraticamente eletto, Sadiq al-Mahdi.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-12

Africa - Sudan: la repressione

Giusy Baioni

Non c’è pace per il Sudan. Quella che sembrava una conquista storica ha lasciato il posto a una grande incertezza: non è bastato – dopo mesi di manifestazioni di piazza – ottenere le dimissioni del presidente Omar al Bashir; al suo posto si è installata una giunta militare, che prosegue una feroce repressione.

 

Attualità, 2019-10

Africa - Sudan: chi si ricorda della pace?

Giusy Baioni

Un gesto clamoroso, che ha lasciato tutti attoniti: papa Francesco l’11 aprile, al termine della due giorni di ritiro spirituale a Casa Santa Marta, dove su suggerimento dell’arcivescovo di Canterbury Justin Welby aveva invitato il presidente e i vicepresidenti del Sud Sudan per un ritiro spirituale (cf. Regno-doc. 9,2019,300), davanti alle telecamere, si è inginocchiato fino a baciare i piedi dei leader presenti. Le immagini hanno fatto il giro del mondo, suscitando molte reazioni. Le più forti, proprio in Sud Sudan, dove la notizia ha riacceso le speranze di pace in una popolazione duramente provata da quasi 5 anni di guerra civile.

 

Attualità, 2019-8

Africa - Ciclone Idai: piegata ma non distrutta

Una sfida e una lezione per la Chiesa

Giusy Baioni

Era il 14 e il 15 marzo, Mozambico, Malawi e Zimbabwe sono stati sconvolti dal passaggio di una depressione tropicale accompagnata da un ciclone forza 4, denominato Idai, accompagnato da venti che hanno raggiunto i 200 km/h e da piogge torrenziali durate giorni.