A
Attualità
Attualità, 2/2019, 15/01/2019, pag. 14

America Latina - Verso il Sinodo panamazzonico: la risorsa più preziosa

Reportage sulla fase presinodale in Amazzonia

Giorgio Bernardelli

C’è molta attesa in Amazzonia per questo Sinodo; un appuntamento che non sta scaldando il cuore di un Occidente impegnato a guardarsi continuamente allo specchio, ma che si annuncia ugualmente gravido di una vivacità interessante. Una riflessione conpadre Enrico Uggé, missionario del PIME originario di Castiglione d’Adda, in missione in questo angolo del Brasile da quasi 50 anni.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-2

Campagna PIME – Verso il Sinodo: il grido dell’Amazzonia

Giorgio Bernardelli

Sono in Amazzonia dal 1948. Con figure come mons. Aristide Pirovano o padre Augusto Gianola, che hanno fatto conoscere le storie degli indios e dei caboclos all’Italia.

 

Attualità, 2018-12

Striscia di Gaza: la gabbia

Giorgio Bernardelli

Si sposta un’ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme (14 maggio). Tutto il mondo ne parla, evocando lo spettro dell’esplosione delle tensioni che covano da tempo nella Città santa. Ma alla fine è comunque a Gaza che si continua a morire. Perché? In quanto accaduto intorno alla Striscia in questa primavera 2018 c’è la fotografia delle contraddizioni che circondano questa fase del conflitto israelo-palestinese. Gaza è il ventre molle della regione, il luogo dove tutte le parti in causa sanno di poter mostrare i muscoli con la consapevolezza che una guerra lì non lascerà comunque né vincitori né vinti.

Attualità, 2017-22

Medio Oriente - Chiese: tornare a Gerusalemme

Intervista a mons. P. Pizzaballa, amministratore apostolico del Patriarcato latino

Giorgio Bernardelli

S’infiamma di nuovo Gerusalemme, ferita ancora una volta da logiche unilaterali. Ma dalle stanze del Patriarcato latino, nel cuore della Città vecchia, arriva chiaro l’invito a non fermarsi alle discussioni sulle bandiere e sui confini: «E vale prima di tutto per noi cristiani – commenta mons. Pierbattista Pizzaballa –. Da quanto tempo non ci chiediamo più: che cos’è per noi Gerusalemme?».