A
Attualità
Attualità, 2/2019, 15/01/2019, pag. 46

Asia – Cina: impressioni di Natale

Maria Elisabetta Gandolfi

Partecipiamo alla messa della domenica della sacra famiglia. In cinese. Posso solo riportare, quindi, impressioni. Percepisco da queste celebrazioni (e da ciò che vi sta fuori) quella che in fondo deve essere stata la motivazione ultima per il pontefice nell’insistere per arrivare all’accordo (provvisorio) sulla nomina dei vescovi: da un lato il voler offrire il messaggio evangelico a una vasta moltitudine di persone, ai tanti giovani orgogliosi d’appartenere a una grande nazione che oggi indica loro la meta del benessere, docili al richiamo delle sirene consumistiche e disponibili ad accettare forme di restrizione alla libertà personale; dall’altro il voler sostenere, unire e far crescere al passo della Chiesa universale comunità cattoliche tanto diverse quanto numerose.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2018-22

Algeria - 19 beati: grazia per tutti

Maria Elisabetta Gandolfi
Caridad Álvarez Martín, Christian Chessel, Jean Chevillard, Pierre Claverie, Christian de Chergé, Charles Deckers, Alain Dieulangard, Luc Dochier, Paul Favre-Miville, Michel Fleury, Christophe Lebreton, Bibiane Leclercq, Bruno Lemarchand, Angèle-Marie Littlejohn, Esther Paniagua Alonso, Odette Prévost, Célestin Ringeard, Paul-Hélène Saint-Raymond,...
Attualità, 2018-20

Congregazione per le Chiese orientali, Oriente cattolico

Maria Elisabetta Gandolfi

Sono le Chiese del paradosso: le più antiche e le più martoriate, le più ricche di tradizioni anche molto diversificate e le più a rischio per la loro concreta esistenza. L’Atlante, che periodicamente la Congregazione per le Chiese orientali aggiorna, rende ragione di questa storia oggi fortemente compromessa dai conflitti endemici dell’area orientale e medio-orientale. 

Attualità, 2018-20

M. Veladiano, Lei

Maria Elisabetta Gandolfi

Un romanzo. Ardito. Perché penetra nel profondo della maternità (e della paternità) attraverso una madre particolarissima, Maria. Ardito per la scrittura che intreccia narrazione in prima persona, dialoghi, ricordi e versi poetici. Ardito perché il romanzo dà voce a colei che per eccellenza è stata pensata, raccontata, dipinta e pregata come madre di tutti e tutti se ne sono impossessati: nell’interpretazione, a volte scontata, nella teologia, nella preghiera popolare.