A
Attualità
Attualità, 2/2019, 15/01/2019, pag. 9

Conferenza vescovi USA: da Chicago al Vaticano

Riconciliare la Chiesa

Massimo Faggioli

Sul fronte dello scandalo degli abusi e delle violenze sessuali, gli eventi del 2018 hanno approfondito le tensioni tra papa Francesco e la Chiesa negli Stati Uniti, e in particolare con l’episcopato. I primi giorni del 2019 parlano di una crisi ancora in pieno svolgimento, che però pare essere rientrata dalla fase più critica dell’agosto e settembre 2018, quando due dozzine di vescovi diedero pubblicamente sostegno all’ex nunzio Carlo Maria Viganò e alla sua iniziativa senza precedenti (con la richiesta di dimissioni del papa).

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2018-22

Stati Unici - Vescovi: sentirsi assediati

I vescovi cattolici nel mirino dei media, della giustizia e in rotta con Roma

Massimo Faggioli
L’Assemblea d’autunno della Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti (USCCB) a Baltimora (12-14 novembre) avrebbe potuto iniziare a guarire le ferite inferte alla comunione ecclesiale negli Stati Uniti nell’anno 2018, e invece ha approfondito le fratture interne all’episcopato e tra i vescovi e papa Francesco. I mesi tra giugno e ottobre 2018 avevano portato alla...
Attualità, 2018-18

Stati Uniti - Chiesa e violenze sessuali: pensare il dopo

Perché la crisi ha colpito di nuovo la Chiesa USA

Massimo Faggioli

L’anno 2018 ha aperto una fase nuova, rispetto a quella iniziata nel 2002, nella storia dello scandalo delle violenze sessuali e negli abusi commessi dal clero e occultati dalle gerarchie. Gli sviluppi di questi ultimi mesi in molti paesi (Australia, Cile, Germania tra gli altri) parlano di un contesto globale. Il caso Viganò ha aperto uno squarcio importante per capire la crisi in corso all’interno degli Stati Uniti e tra questi e Roma. La crisi delle violenze sessuali è diventata una delle armi usate per combattere le «culture wars» tra liberal e conservatori che attraversano la Chiesa americana fin dagli anni Ottanta.

Attualità, 2018-16

Australia - Verso il Concilio plenario: la risposta

Come una Chiesa sta uscendo dalla crisi delle violenze sui minori con un’iniziativa di rilancio

Massimo Faggioli

L’Australia è il caso più interessante di una Chiesa che, con la decisione di celebrare un Concilio plenario – il primo in ottant’anni, da quello del 1937 – ha raccolto la sfida della sinodalità lanciata da papa Francesco (cf. Regno-att. 16,2017,461). La fase attuale di preparazione del Concilio, iniziata a Pentecoste (giugno 2018-marzo 2019), è quella del confronto e dell’ascolto, tramite una serie di sessioni tenute in tutto il paese. È presto per dire quale sarà la risposta del laicato australiano al Concilio plenario. Questo importante passaggio ecclesiale si svolge durante un periodo di cambiamenti nel paese, sia dal punto di vista ecclesiale sia politico. Nello snodo, infatti, tra questi due piani si colloca la risposta della Chiesa australiana allo scandalo delle violenze sessuali, che si sviluppa con una storia particolare e diversa da altre Chiese.