A
Attualità
Attualità, 4/2019, 15/02/2019, pag. 114

Zimbabwe: sull’orlo della crisi

Giusy Baioni

Ricorda un po’  lo scenario (cf. Regno-att. 2,2019,44) del Sudan: un improvviso aumento di oltre il 150% del prezzo di un bene primario (in questo caso non il pane, ma il carburante) ha dato il via a proteste di piazza i cui esiti non sono prevedibili. La rabbia è esplosa a metà gennaio nella capitale Harare e in altre città dello Zimbabwe e le forze dell’ordine l’hanno repressa con violenza, causando tre morti, 200 feriti e oltre 600 arresti. Tra questi ultimi, spiccava il pastore battista Evan Mawarire, già protagonista del movimento di protesta contro l’ex presidente Robert Mugabe, costretto a lasciare il potere nel novembre 2017 (cf. Regno-att. 22,2017,665).

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-8

Africa - Ciclone Idai: piegata ma non distrutta

Una sfida e una lezione per la Chiesa

Giusy Baioni

Era il 14 e il 15 marzo, Mozambico, Malawi e Zimbabwe sono stati sconvolti dal passaggio di una depressione tropicale accompagnata da un ciclone forza 4, denominato Idai, accompagnato da venti che hanno raggiunto i 200 km/h e da piogge torrenziali durate giorni.

 

Attualità, 2019-8

Africa - Chiesa cattolica: sacerdoti nel mirino

Giusy Baioni

Non si arresta la lunga serie di omicidi violenti di religiosi che sta avvenendo in Africa. L'ultima vittima si chiamava p. Toussaint Zoumaldé, cappuccino di 48 anni, ucciso la sera del 19 marzo. Fonti raggiunte in loco da Il Regno aggiungono che p. Toussaint avrebbe riportato diverse ferite d’arma da taglio: probabilmente ha tentato di difendersi e per questo hanno infierito con ripetuti colpi. Inutili i soccorsi: il religioso è deceduto poco dopo. Nelle stesse ore, in Nigeria veniva ritrovato il corpo esanime di don Clement Rapuluchukwu Ugwu, parroco della chiesa di San Marco, a Obinofia Ndiuno, scomparso una settimana prima

Attualità, 2019-6

Algeria - Elezioni: il rinvio inatteso

Giusy Baioni

Bouteflika «dégage! Vattene!». È questo lo slogan che è risuonato nelle piazze algerine per tre settimane, a partire dal 22 febbraio. Non solo nella capitale Algeri, ma in molte altre città, come Orano, Costantina, Annaba, Tizi Ouzou, Bejaïa: una novità per il paese, che, rispetto ai suoi vicini, ci aveva abituato a un innaturale silenzio. E le proteste sono state così oceaniche da sortire l’effetto sperato: annullamento della ricandidatura, nuovo governo e avvio di una conferenza nazionale per una nuova Costituzione.