A
Attualità
Attualità, 8/2019, 15/04/2019, pag. 238

India - Chiesa cattolica: Mulakkal incriminato

Stefano Vecchia

La polizia indiana ha deciso il rinvio a giudizio di mons. Franco Mulakkal, vescovo di Jalandhar. Lo ha fatto il 9 aprile davanti al magistrato del tribunale di Kottayam, città dello Stato meridionale del Kerala nel cui distretto ha sede il convento di Kuravilangad a cui appartiene la suora che sarebbe stata vittima di stupro e altri reati per cui il prelato è stato denunciato nel giugno 2018.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-16

Santa Sede - Vietnam: l’accordo

Stefano Vecchia

Dopo due giorni di colloqui, il 23 agosto le delegazioni della Santa Sede e del governo vietnamita hanno comunicato d’avere raggiunto l’accordo per la designazione di una rappresentanza permanente in Vietnam «in vista dell’apertura della sede alla prima data possibile».

 

Attualità, 2019-16

India - Siro-malabaresi: un cardinale dimezzato

Stefano Vecchia

Il Vaticano ha approvato il 30 agosto il nuovo regime amministrativo della Chiesa di rito siro-malabarese, una comunità di 3,5 milioni di fedeli del principale rito orientale presente in India in 35 diocesi, e in 4 fuori dal paese. La decisione è stata presa dal Sinodo dei 57 vescovi siro-malabaresi, riunito dal 19 al 30 agosto a Kakkanad, presso Kochi, che aveva all’ordine del giorno una grave crisi, in corso da tempo, con pesanti conseguenze per la comunità.

 

Attualità, 2019-14

Asia - Myanmar: no alla diga

Stefano Vecchia

Concentrato sulla situazione dello Stato occidentale di Rakhine (Arakan), scosso da violenze interetniche e spopolato della minoranza rohingya per la brutale repressione militare; sconcertato dall’apparente divergenza della leader Aung San Suu Kyi dalle posizioni che le avevano fatto meritare il premio Nobel per la Pace nel 1991, il mondo sembra avere dimenticato i drammi che lo sviluppo – per decenni limitato e gestito in favore delle forze armate – ha portato a un paese dalle grandi potenzialità ma ancora oggi diviso da troppi interessi in conflitto.