A
Attualità
Attualità, 10/2020, 15/05/2020, pag. 295

Germania - 75° fine della Seconda guerra: mai da soli

Maria Elisabetta Gandolfi

«Senza memoria perdiamo il nostro futuro». Lo ha affermato l’8 maggio 2020 il presidente della Repubblica federale tedesca, Frank-Walter Steinmeier, commemorando a Berlino il 75° anniversario della fine della Seconda guerra mondiale. Pochi giorni prima, il 29 aprile, la conferenza episcopale aveva pubblicato un documento sul ruolo della Chiesa cattolica nella guerra mondiale, in cui i vescovi riconoscevano le colpe dei loro predecessori nel conflitto (cf. in questo numero a p. 281; la traduzione italiana sul prossimo Il Regno – Documenti).

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-18

Politica internazionale - Sanità: il segno del virus

Intervista a Nicoletta Dentico

Maria Elisabetta Gandolfi

Parliamo con Nicoletta Dentico, responsabile del programma «Salute globale» per la Society for International Development – un consorzio internazionale che si occupa di giustizia e sviluppo dal 1957 – proprio nei giorni di uscita del suo nuovo libro Ricchi e buoni? Le trame oscure del filantropocapitalismo (EMI, Verona 2020). È di qui che la nostra conversazione prende avvio.

 

Attualità, 2020-16

Osservatorio – Sinodi: il prima e il dopo

Maria Elisabetta Gandolfi

C’è un prima e un dopo che divide i percorsi sinodali intrapresi dalla Chiesa cattolica latina a livello locale e universale. C’è un prima del Sinodo panamazzonico e c’è un dopo la sua esortazione postsinodale Querida Amazonia. C’è un prima del coronavirus con la sua normalità e c’è un dopo che ancora non la ritrova.

 

Attualità, 2020-14

Chiesa - Protezione dei minori: ancora in salita

Le velocità diversificate nelle conferenze episcopali e il problema dei fondatori

Maria Elisabetta Gandolfi

Il periodo di lockdown e in generale l’emergenza coronavirus ha rallentato molte attività istituzionali anche nel campo della protezione dei minori. È emersa tuttavia l’esigenza di non abbassare la guardia: le violenze sono continuate e hanno trovato una formidabile via di propagazione nella Rete tramite «adescamento on-linesexting (che spesso si svolge tra coetanei), abusi sessuali in diretta, cyber-bullismo e intimidazioni». La fascia di età più colpita è quella dagli 11 ai 13 anni.1