A
Attualità
Attualità, 12/2020, 15/06/2020, pag. 367

Africa - Media e pastorale: amo la radio

Enrico Casale

La senti gracchiare ovunque. Nei bar, nei negozi, sui taxi, nelle officine. Persino nei campi. La radio è onnipresente in Africa. A volte sono vecchi apparecchi a transistor. Altre volte sono modelli più tecnologici. In modulazione di frequenza passa di tutto: l’informazione, le funzioni religiose, le sit-com, la formazione professionale, le nozioni basilari sulla salute e, soprattutto, la musica (tanta musica). E tutti, ma proprio tutti, nel continente si sintonizzano e ascoltano.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-20

Africa - Nigeria: anche il virus della corruzione

Enrico Casale

Stop alle brutalità della polizia. Ma anche alla corruzione, al malaffare, a una politica incapace di guardare al bene comune. In ottobre, le principali città nigeriane sono state sconvolte da rivolte di giovani che, partendo da una protesta contro la violenza delle forze dell’ordine, hanno messo sotto accusa tutta la classe politica nazionale. E oggi, mentre la Nigeria sta ancora facendo i conti delle vittime e dei danni morali ed economici di questa rivolta, la coalizione dei movimenti di protesta, dopo aver sospeso le manifestazioni, ha annunciato di voler mantenere viva e attiva l’iniziativa.

 

Attualità, 2020-16

Africa - Mozambico: sotto attacco

Enrico Casale

Le uniche cose certe sono i morti, i feriti e la paura. Di più non si sa. Da tre anni, la provincia di Cabo Delgado, nel nord del Mozambico, è scossa da violenti attacchi perpetrati da un movimento che si fa chiamare al-Shabaab (come i jihadisti somali, con i quali però non ha rapporti). I miliziani dicono di voler diffondere l’islam. Hanno anche aderito allo Stato islamico. In realtà nessuno sa chi siano e quali siano i loro reali obiettivi.

 

Attualità, 2020-12

Africa - Chiesa cattolica: alla prova del virus

Enrico Casale

La pandemia da coronavirus è una prova dura per tutto il mondo e, in particolare, per l’Africa. Può però diventare un’opportunità per trasformare in senso solidale i sistemi politici e quelli economici. Una trasformazione che passa attraverso la remissione del debito, una più equa ripartizione delle risorse e un investimento in ospedali, scuole, alloggi. È questo, in sintesi, l’appello lanciato il 31 maggio dai vescovi dell’Africa e del Madagascar nella dichiarazione Il COVID-19 e le sue conseguenze, nella quale i vescovi del Simposio delle conferenze episcopali di Africa e Madagascar (SCEAM) si rivolgono all’Unione Africana e alle agenzie di cooperazione internazionale per chiedere un fattivo sostegno per le proprie popolazioni.