A
Attualità
Attualità, 14/2020, 15/07/2020, pag. 431

Africa – RD Comgo: l’indipendenza è fallita

Giusy Baioni

Sono diversi i paesi africani che quest’anno celebrano 60 anni d’indipendenza. Spesso ancora incompiuta. Una libertà che, in Repubblica democratica del Congo, ad esempio, resta ostaggio di enormi interessi internazionali, economici e geostrategici, ma anche di rapaci appetiti interni.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-20

Africa - Sudan: timide speranze

Giusy Baioni

Un accordo storico: a un anno e mezzo dalla rivoluzione di piazza che ha spodestato il dittatore Omar al-Bashir e dopo mesi di trattative, il nuovo governo di transizione sudanese è giunto alla firma di un accordo di pace con il Sudan Revolutionary Front (SRF), coalizione di gruppi ribelli attivi in diverse regioni del paese, ponendo formalmente fine a 17 anni di guerra civile (cf. anche Regno-att. 12,2019,368).

 

Attualità, 2020-16

Africa – Mali: dietro al golpe

Giusy Baioni

Non un fulmine a ciel sereno: il golpe che il 18 agosto in Mali ha rovesciato il presidente Ibrahim Boubacar Keïta è giunto al culmine di settimane di proteste, con la popolazione in piazza nella capitale Bamako a chiedere un cambio ai vertici. A guidare le manifestazioni, il Mouvement du 5 Juin/Rassemblement des force patriotiques (M5-RFP), che reclamava la necessità d’«allontanare dal potere dei politici privi di una visione costruttiva».

 

Attualità, 2020-12

Africa – Burundi: elezioni farsa

Giusy Baioni

Tutto da copione: il voto del 20 maggio scorso in Burundi si è svolto senza disordini; i due principali contendenti si sono entrambi dichiarati vincitori, la Commissione elettorale ha quindi ufficializzato la vittoria del delfino del presidente uscente, l’avversario ha fatto ricorso, la Corte costituzionale ha dichiarato valido il voto e l’avversario ha accettato la sconfitta. Parrebbe – dunque – un’elezione da manuale, senza problemi. Non fosse per il ruolo della Chiesa cattolica che, con la Conferenza episcopale (CECAB), ha rotto le uova nel paniere a chi aveva già predisposto il tutto per un gattopardesco cambio al vertice.