A
Attualità
Attualità, 20/2020, 15/11/2020, pag. 624

L. Pigozzi, Troppa famiglia fa male

Come la dipendenza materna crea adulti bambini (e pessimi cittadini)

Luca Miele

La psicoanalista Laura Pigozzi getta, da anni, uno sguardo penetrante sulla famiglia e sulle dinamiche che l’attraversano (e che ne stanno mutando profondamente il volto). Ciò che sta erodendo equilibri antichi è l’avanzata inarrestabile del dispositivo che la Pigozzi chiama il «plusmaterno». In cosa consiste?

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-22

A. Marcolongo, La lezione di Enea

Luca Miele

Nella vicenda di Enea, e nella storia di fondazione di cui egli è artefice, è contenuta una lezione: di più, una lezione urgente per i tempi che stiamo vivendo. La vicenda di cui Enea è protagonista è nota. Troia brucia, è sconfitta. La città, che appariva inespugnabile, è vinta attraverso l’inganno. Un cavallo di legno viene scambiato per un omaggio, per il segno della vittoria. La città si abbandona alla festa, all’ebbrezza. Disarma.

Attualità, 2020-18

V. Bonanni, La fabbrica di Pinocchio

Dalla fiaba all’illustrazione, l’immaginario di Collodi

Luca Miele

Un libro scritto per ragazzi si è «trasformato in un libro sapienziale per adulti, oggetto di un’incessante pratica ermeneutica e appiglio sdrucciolevole verso una deriva interpretativa. In questo gioco, tuttavia, ciò che si perde è il testo stesso, sostituito dalla teoria che lo riscrive» (VII), scrive Veronica Bonanni. Entrare nel laboratorio di Pinocchio significa innanzitutto questo: restituire l’opera di Collodi al suo disegno originario. Riscattare Pinocchio da un «gioco», quello della continua reinterpretazione in cui smarrirsi, è il «testo» stesso.

Attualità, 2020-16

D. Di Cesare, Virus sovrano?

L’asfissia capitalistica

Luca Miele

Nel corso al College de France del 1974, Michel Foucault mette a confronto le difese erette contro la lebbra e la peste. Dinanzi alla minaccia della malattia, la società occidentale ha messo in campo due strategie diverse. La prima, finalizzata a combattere la lebbra, esclude, bandisce, ricaccia il malato oltre il confine della polis. L’altra strategia immunitaria, quella per fronteggiare la peste, al contrario, include, differenzia, ripartisce e assegna nello spazio.