D
Documenti
Documenti, 15/1988, 01/08/1988, pag. 474

Discorso di Giovanni Paolo II al mondo della scienza e dell'arte

Austria

Leggi anche

Documenti, 2014-7

Risposte al questionario sulla famiglia

Vescovi austriaci
La Chiesa cattolica austriaca ha aderito con grande convinzione alla consultazione lanciata dalla Santa Sede attraverso il questionario allegato al Documento preparatorio della III Assemblea generale straordinaria del Sinodo dei vescovi, che si terrà dal 15 al 19 ottobre 2014 sul tema «Le sfide pastorali sulla famiglia nel contesto dell’evangelizzazione». Per una Chiesa che conta dieci diocesi e circa cinque milioni e mezzo di fedeli, le oltre 34.000 risposte sono un numero certamente significativo. La Conferenza episcopale austriaca ha pubblicato sul suo sito una sintesi dei risultati, elaborata dall’agenzia Kathpress. Come nel caso della Chiesa tedesca (cf. Regno-doc. 5,2014,162), le risposte evidenziano una netta divergenza tra l’insegnamento della Chiesa e la posizione dei fedeli, soprattutto sui metodi anticoncezionali, sul trattamento dei divorziati risposati e sui rapporti prematrimoniali. «Dalle risposte risulta chiaramente che la Chiesa in pratica non riesce a trasmettere in modo comprensibile il suo insegnamento su matrimonio, famiglia e morale sessuale».
Documenti, 2012-15

Annuncio e nuova evangelizzazione. I vescovi austriaci

A. Schwarz, Conferenza episcopale austriaca
Il documento intitolato Annuncio e nuova evangelizzazione nel mondo di oggi, approvato dai vescovi austriaci nel corso della loro assemblea generale dal 19 al 22 marzo scorsi a Tainach, è pensato come un «direttorio per la catechesi » su come condurre un’evangelizzazione «nuova» nell’Austria di oggi (un paese dalla profonda tradizione cattolica, ma con segnali di progressiva secolarizzazione, un trauma da perdita di credibilità dell’istituzione ecclesiale dopo i casi di violenza perpetrati da personale ecclesiastico su minori, istanze di riforma interna portate avanti anche in forme quasi «insurrezionali» come l’Appello alla disobbedienza dei parroci). Si concentra su un annuncio della fede di tipo esperienziale e vuole accompagnare l’Anno della fede proclamato da Benedetto XVI a partire dal prossimo 11 ottobre, mese nel quale si celebrerà anche il Sinodo sulla nuova evangelizzazione. Nella conclusione un’eco delle recenti vicende ecclesiali: «Vogliamo apprezzarci, rafforzarci e incoraggiarci a vicenda. (...) I conflitti, che non potremo mai superare del tutto, non ci devono scoraggiare. I problemi di comunicazione e collaborazione non ci devono dividere».
Documenti, 2011-15

Appello alla disobbedienza. Austria: l'«Iniziativa dei parroci» e la reazione dei vescovi

Parroci austriaci, E. Kapelari, C. card. Schoenborn
«Il rifiuto da parte di Roma di una riforma della Chiesa da tempo necessaria e l’inerzia dei nostri vescovi» sono all’origine di un manifesto, intitolato Appello alla disobbedienza e pubblicato il 19 giugno, in cui circa 300 parroci austriaci radunati sotto la sigla «Iniziativa dei parroci» dichiarano che d’ora in avanti agiranno «secondo coscienza» e in maniera autonoma rispetto alla di sciplina ecclesiastica circa punti qualificanti l’identità della Chie sa cattolica, tra cui la comunione ai divorziati risposati e l’ordinazione sacer dotale delle donne e degli uomini sposati. All’iniziativa hanno risposto, criticando la rinuncia unilaterale agli im pegni presi e l’attacco portato all’unità della Chiesa universale, il presidente della Conferenza episcopale austriaca card. Christoph Schönborn, arcivescovo di Vienna, nell’articolo intitolato «Appello all’unità» (7 luglio), e il vicepresidente mons. Egon Kapellari, vescovo di Graz, in un comunicato del 28 giugno.