D
Documenti
Documenti, 9/2002, 01/05/2002, pag. 292

Prendersi cura della vita

Conferenza episcopale della Scandinavia
La lettera pastorale della Conferenza episcopale della Scandinavia Prendersi cura della vita, sebbene pubblicata lo scorso 11 febbraio in occasione della giornata di preghiera per i malati, tocca argomenti di straordinaria attualità, specie alla luce della recente sentenza della Corte europea dei diritti umani di Strasburgo, chiamata il 29 aprile scorso a esprimersi per la prima volta in materia di eutanasia e di suicidio assistito. Il documento dei vescovi scandinavi si sofferma con esauriente puntualità sulla visione cattolica del malato e della malattia nel contesto familiare, sociale e medico-sanitario. I paesi che sono stati a buon diritto considerati la culla del welfare, e in cui la sanità funziona in modo assai più soddisfacente che altrove, si trovano oggi a confronto con temi spinosi, quali il rapporto medico-paziente nel contesto spesso freddo e asettico dell’ospedale, l’accanimento e la sperimentazione terapeutica, la donazione degli organi, la crescente sensibilità dell’opinione pubblica sui temi del dolore, dell’eutanasia, del diritto all’autodeterminazione del paziente. La Chiesa cattolica, voce minoritaria nei paesi scandinavi, propone una lettura della materia alla luce del Vangelo e della sua secolare tradizione di vicinanza e sensibilità al mondo degli infermi. Originale: stampa da sito Internet www.catholic.se. Nostra traduzione dall'inglese.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.