D
Documenti
Documenti, 19/2016, 01/11/2016, pag. 641

Una Chiesa di misericordia

Ai nunzi apostolici in occasione del Giubileo dei rappresentanti pontifici

Piero Coda

A mezzo secolo dal Concilio, «ci siamo inoltrati, sospinti dallo Spirito Santo, in una fase nuova di quel cammino bimillenario della Chiesa di cui il Vaticano II segna una tappa nuova e impegnativa». E su questo cammino, che ha come scenario storico una reimpaginazione complessiva della situazione mondiale, il pontificato di Francesco indica come tratto caratterizzante dello stile della Chiesa quattro parole: misericordia, sinodalità, povertà, incontro. In occasione della riunione dei rappresentanti pontifici che si è tenuta dal 15 al 17 settembre a Roma per l’Anno santo straordinario della misericordia, il teologo Piero Coda, preside dell’Istituto universitario Sofia, ha tenuto davanti ai 106 nunzi apostolici presenti una conferenza di aggiornamento dal titolo «Il mondo oggi – La Chiesa oggi – Il papa Francesco».

Alla chiusura del Giubileo della misericordia, questo tema si qualifica non come passeggero, ma come strutturale per la missione della Chiesa: «Per decifrare le situazioni in cui siamo coinvolti non come ostacoli insormontabili e deprimenti, ma come sfide – difficili, anzi tragiche, eppure aperte alla speranza –, occorre in verità riguadagnare sempre di nuovo lo sguardo della fede nel Dio “ricco di misericordia”».

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2018-10

Teologia - Veritatis gaudium: rischiare la frontiera

Piero Coda

Ci troviamo di fronte a un documento di respiro non congiunturale ma programmatico, destinato a dispiegare un’efficacia a lunga gittata sugli studi ecclesiastici e, più latamente, sull’impegno culturale d’ispirazione cristiana. La Veritatis gaudium è un segnale preciso sulla direzione di marcia da intraprendere per rilanciare questa storia d’impegno, dando nuovo impulso al processo che – a partire dal Vaticano II – ha preso atto della vorticosa accelerazione e della vasta proporzione del cambiamento in atto.

Attualità, 2016-14

Santa Sede - Movimenti ecclesiali: con Benedetto e con Francesco

La lettera Iuvenescit Ecclesia e la «co-essenzialità» di carisma e istituzione

Piero Coda

La Chiesa tutt’intera è chiamata oggi a vivere – in obbedienza al Vangelo di Gesù, in ascolto della voce dello Spirito e a servizio dei fratelli – «una nuova tappa dell’evangelizzazione». Papa Francesco, a partire dall’esortazione apostolica Evangelii gaudium, propone con energia e perseveranza quest’impegno alto e generoso in cui hanno da convergere con slancio e determinazione tutte le espressioni ed energie del popolo di Dio. La recente lettera Iuvenescit Ecclesia della Congregazione per la dottrina della fede, diretta ai vescovi della Chiesa cattolica, si accredita in proposito come un contributo significativo.

Attualità, 2015-3

Una teologia in uscita

Da Rosmini a papa Francesco tre direttrici per il futuro della Chiesa

Piero Coda
La Chiesa e la storia stanno vivendo un kairos peculiare ed esigente nell’incontro di Dio con noi umani e di noi tra noi in Dio: proprio di ciò la Chiesa è sacramento nella storia (cf. Lumen gentium, n. 1). Ce l’ha detto, a chiare lettere, cinquant’anni or sono, il concilio Vaticano II. Lo Spirito Santo – e chi, se non lui? – ridesta in noi oggi questa coscienza (che sempre di nuovo corre il rischio di adagiarsi e perdere mordente) attraverso le parole e i gesti di papa Francesco: la Chiesa – egli ci dice – ha da entrare con fedeltà e creatività in una tappa nuova dell’evangelizzazione (cf. Evangelii gaudium, n. 1), in una stagione nuova, cioè, nell’esperienza di grazia della sua identità e missione. In tutto ciò, dove sta o, meglio, verso dove ha da uscire – per far nostro l’invito chiaro e forte di papa Francesco – la teologia?