D
Documenti
Documenti, 21/2017, 05/12/2017, pag. 699

Indice / Documenti - 2017

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-14

Europa - Italia: il catalogo è questo

L’Europa della Merkel e la nostra assenza

Gianfranco Brununelli

Mentre il presidente del Consiglio italiano, Giuseppe Conte, ormai leader dei 5Stelle, con l’ossequio pressoché quotidiano del Partito democratico, tenta, con un provvedimento di dubbia costituzionalità e indubbio opportunismo politico – come ha commentato Sabino Cassese sul Corriere della sera del 12 luglio –, di prorogare lo stato di emergenza il più a lungo possibile, facendo dello stato d’eccezione la regola e legando la permanenza del governo al permanere della minaccia del COVID-19, la cancelliera tedesca Angela Merkel, avviata verso l’ultimo tratto del suo mandato politico nazionale, in qualità di presidente di turno dell’Unione Europea, l’8 luglio presenta al Parlamento europeo il piano tedesco di rilancio dell’Europa.

 

Attualità, 2020-14

Germania - Sinodalità: delusione

Bocciata a Roma la riforma delle parrocchie del Sinodo di Treviri

Lucas Wiegelmann

Alla fine, dopo un difficile negoziato, mons. Stephan Ackermann di fronte all’inevitabile affermava combattivo: «Comunque siamo già abituati ad addii dolorosi – diceva il vescovo di Treviri –. Semplicemente non vogliamo solo subirli passivamente, ma vogliamo anche governare questo cambiamento». Sono passati quasi esattamente quattro anni da quando Ackermann usava queste parole per commentare la conclusione del Sinodo diocesano nel maggio 2016. All’epoca gli addii dolorosi si riferivano al processo di uscita dei fedeli dalla Chiesa, a cui la sua leadership episcopale voleva reagire non con inerzia ma con un impegno attivo.

Attualità, 2020-14

Germania - Sinodalità. Il papa: avanti col cammino!

Daniela Sala

Mons. Georg Bätzing, vescovo di Limburg ma fino al 2016 vicario generale a Treviri, laboratorio di un’incisiva ristrutturazione pastorale (cf. qui a fianco), è stato ricevuto dal papa come presidente della Conferenza episcopale tedesca il 28 giugno, insieme al segretario generale, il gesuita Hans Langendörfer. Il vescovo di Limburg ha quindi riferito all’agenzia tedesca KNA di una «discussione collegiale, intensa». Francesco è «con il cuore con noi in Germania» e segue da vicino il processo di riforma avviato dalla Chiesa cattolica tedesca con il nome di «Cammino sinodale» (cf. Regno-att. 4,2020,72; Regno-doc. 5,2020,158ss). «Vuole che procediamo a passo spedito».