D
Documenti
Documenti, 9/2017, 01/05/2017, pag. 257

Una rinnovata fraternità in nome di Dio

Alla Conferenza internazionale per la pace al Cairo; incontri con le autorità egiziane; Dichiarazione comune con Tawadros II

Francesco

L’atteso viaggio di papa Francesco in Egitto, il 28 e 29 aprile 2017, che egli stesso in aereo ha definito un «viaggio della fraternità», ha avuto due punti focali: il dialogo interreligioso con l’Università di Al-Azhar, la più alta istituzione teologica e d’istruzione religiosa dell’islam sunnita nel mondo e la più antica università islamica; e il dialogo ecumenico con papa Tawadros II, il patriarca di Alessandria della Chiesa ortodossa copta.

«Si levi il sole di una rinnovata fraternità in nome di Dio e sorga da questa terra, baciata dal sole, l’alba di una civiltà della pace e dell’incontro. Interceda per questo san Francesco di Assisi, che otto secoli fa venne in Egitto e incontrò il sultano Malik al Kamil», ha detto Francesco intervenendo alla Conferenza internazionale per la pace, organizzata dal grande imam di Al-Azhar Ahmad Al-Tayyib al Cairo dal 26 al 29 aprile, che segna una nuova partenza nel dialogo tra la Santa Sede e l’islam sunnita. Il giorno precedente era intervenuto il patriarca ecumenico, Bartolomeo I (cf. riquadro). E la Dichiarazione comune firmata con il papa copto Tawadros II segna un altro punto importante, in quanto le due confessioni cristiane riconoscono reciprocamente la validità dell’altrui battesimo.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2017-10

Azione cattolica: la radice sinodale

Cronaca della XVI Assemblea nazionale (Roma, 28 aprile - 1° maggio 2017)

Francesco Rossi

È inscindibile il racconto della XVI Assemblea nazionale dell’Azione cattolica italiana («Fare nuove tutte le cose. Radicati nel futuro, custodi dell’essenziale»; Roma, Domus Pacis, 28.4-1.5.2017) da quello del 150° anniversario dell’associazione (cf. in questo numero a p. 262), le cui celebrazioni si sono aperte domenica 30 in piazza San Pietro, alla presenza di papa Francesco.

Attualità, 2017-10

Italia - Migranti: sostiene la Caritas

Francesco Soddu

Il 5 maggio presso il Senato si è tenuta una conferenza stampa intitolata «La grande bugia delle navi taxi. Le ONG e il soccorso in mare». Organizzata dal presidente della Commissione diritti umani di Palazzo Madama L. Manconi, vi hanno partecipato, oltre ad alcuni deputati e senatori, Caritas italiana e le ONG Medici senza frontiere, Save the Children e Open Arms. Riprendiamo ampi stralci dell’intervento di don F. Soddu, direttore della Caritas (ndr).

Documenti, 2017-9

I santuari, genuino luogo d’evangelizzazione

Motu proprio con cui si trasferiscono le competenze sui santuari

Francesco

«Risulta chiaro che i santuari sono chiamati a svolgere un ruolo nella nuova evangelizzazione della società di oggi … Perciò, volendo favorire lo sviluppo della pastorale che viene svolta nei santuari della Chiesa, ho deciso di trasferire al Pontificio consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione le competenze che … erano finora attribuite alla Congregazione per il clero». La lettera apostolica Sanctuarium in Ecclesia, promulgata da papa Francesco l’11 febbraio, che investe il Pontificio consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione del compito di trattare le questioni relative ai santuari, pone un altro tassello nell’opera di annuncio evangelico a cui il pontefice richiama l’intera Chiesa, individuando nei santuari quel «luogo di evangelizzazione, dove dal primo annuncio fino alla celebrazione dei sacri misteri si rende manifesta la potente azione con cui opera la misericordia di Dio nella vita delle persone». Sarà d’ora in avanti compito del Pontificio consiglio lo studio e l’attuazione di provvedimenti che favoriscano «il ruolo evangelizzatore dei santuari e la coltivazione in essi della religiosità popolare», la promozione di una «pastorale organica dei santuari come centri propulsori della nuova evangelizzazione» e la valorizzazione culturale e artistica dei santuari secondo «la via pulchritudinis quale modalità peculiare dell’evangelizzazione della Chiesa».