D
Documenti
Documenti, 3/2018, 01/02/2018, pag. 123

Risposta al questionario sui giovani

Conferenza episcopale tedesca

Come sono i giovani in Germania? Che rapporto hanno con la Chiesa? Che cosa le chiedono? Applicando nuovamente il metodo di lavoro impostato dalla Santa Sede a partire dalla III Assemblea generale straordinaria del Sinodo dei vescovi sulla famiglia (2014), i vescovi tedeschi hanno pubblicato il 3 novembre, dopo l’approvazione nell’Assemblea plenaria, la Risposta della Conferenza episcopale tedesca al questionario in preparazione della XV Assemblea generale ordinaria del sinodo dei vescovi su «I giovani, la fede e il discernimento vocazionale». Come contributo alla preparazione del Sinodo, che si svolgerà a Roma dal 3 al 28 ottobre 2018, il documento raccoglie e rielabora le risposte arrivate da tutte le 27 diocesi entro il 1° maggio 2017. L’immagine che ne esce è di una giovane generazione tedesca afflitta da senso d’insicurezza e ansia da prestazione; che vede la ricchezza del paese come un’opportunità per il futuro; che ha perso molta della propria fiducia nella Chiesa, a causa degli scandali economici e delle violenze sessuali sui minori, ma le chiede di essere una compagna affidabile e stabile nella ricerca del senso della vita e della propria vocazione.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Documenti, 2017-5

Guarire le memorie sulla Riforma

Dichiarazione comune per il 2017

Conferenza episcopale tedesca; Chiesa evangelica in Germania

«Guardando alla storia si vede quanta sofferenza e quante ferite i cristiani si siano reciprocamente inferti. Questo ci colpisce e ci riempie di vergogna. Guardare al passato può però anche essere utile se lo facciamo con riconoscenza per il legame che oggi ci unisce e nella prospettiva della riconciliazione». Con la dichiarazione Guarire le memorie, testimoniare Gesù Cristo. Una parola comune per il 2017, pubblicata il 16 settembre 2016, la Conferenza episcopale tedesca (i vescovi cattolici) e la Chiesa evangelica in Germania (i vescovi luterani) hanno voluto porre «una prima pietra miliare» sulla strada della riconciliazione delle memorie ferite dallo scisma della cristianità occidentale nel XVI secolo, la Riforma luterana. Il metodo adottato s’ispira a quello impiegato a partire dagli anni Novanta dalle Commissioni verità e riconciliazione, in Sudafrica e poi in altri casi di guerre civili. Anche se qui si applica a un conflitto partito cinque secoli fa, «dopo secoli di reciproca distanza è un’occasione eccezionale per la nostra comunione celebrare un anniversario della Riforma con questa volontà di perdono e di ripartenza», in modo che il 500° anniversario della Riforma nel 2017 sia una «festa di Cristo».

Documenti, 2015-21

Una risposta alle domande dei Lineamenta

In preparazione al Sinodo di ottobre 2015

Conferenza episcopale tedesca
La seconda consultazione, un anno dopo quella in vista del Sinodo straordinario, sebbene meno parte-cipata, ha tuttavia «risvegliato in molti fedeli grandi attese dal Sinodo dei vescovi, da cui sperano un ulteriore sviluppo della dottrina della Chiesa e della sua pastorale del matrimonio e della famiglia». Lo scrivono i vescovi tedeschi pubblicando (20 aprile), per il secondo anno consecutivo, sul loro sito web – anche in lingua italiana –, una sintesi delle risposte alle domande per l’approfondimento della Relatio Synodi contenute nei Lineamenta (cf. Regno-doc. 5,2015,8ss). Terminata la consultazione, che ha tenuto conto anche «delle opinioni dei responsabili diocesani della pastorale del matrimonio e della famiglia, dei centri di educazione familiare e in diverse diocesi anche dei voti delle commissioni di consulenza diocesana», la Conferenza episcopale tedesca ha formulato le sue risposte, «che trattano alcuni temi fondamentali in modo particolare», nelle quali si è lasciata guidare dalla «svolta pastorale che il Sinodo straordinario ha iniziato a delineare, radicandosi nel Vaticano II e nel magistero di papa Francesco», e sostiene «espressamente una “pastorale capace di riconoscere l’opera libera del Signore anche fuori dagli schemi consueti”».
Documenti, 2014-21

Responsabilità comune per una società giusta

Consiglio della Chiesa evangelica in Germania; Conferenza episcopale tedesca
Sono passati 17 anni dal documento Per un futuro di solidarietà e giustizia, con cui le Chiese evangeliche e cattoliche tedesche intervenivano a una voce sola sulle questioni economiche e politiche del paese. Da allora nel modello sociale ed economico tradizionale sono intervenute modifiche profonde, anche a livello legislativo, a fronte di fattori nuovi quali globalizzazione, vulnerabilità di fronte alle crisi economiche, cambiamento climatico, problemi d’integrazione sociale, cambiamenti demografici e squilibri sociali. Le Chiese cristiane tedesche riprendono la parola, con questo documento Responsabilità comune per una società giusta. Iniziativa per un nuovo ordine economico e sociale, pubblicato il 28 febbraio congiuntamente dal Consiglio della Chiesa evangelica in Germania e dalla Conferenza episcopale tedesca. Dieci tesi sui valori condivisi nella società tedesca ed europea, a partire dalla convinzione della portata universale del comandamento dell’amore del prossimo e dall'opzione biblica per i poveri, per dare l’avvio a un'ampia discussione nella società e contribuire a un rinnovamento dell’ordine economico e sociale.