D
Documenti
Documenti, 3/2019, 01/02/2019, pag. 92

Cor orans

Congregazione per gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica

Per consentire l’applicazione della costituzione apostolica Vultum Dei quaerere sulla vita contemplativa femminile, cioè la clausura, la Congregazione per gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica il 15 maggio 2018 ha pubblicato un’istruzione che s’intitola Cor orans, «il cuore orante». Il testo, che si compone di quattro capitoli e 289 paragrafi, concretizza le disposizioni contenute nella Vultum Dei quaerere di papa Francesco (cf. Regno-doc. 15,2016,479-492), con cui il pontefice ha inteso ribadire «che “la vita contemplativa femminile ha sempre rappresentato nella Chiesa e per la Chiesa il cuore orante, custode di gratuità e di ricca fecondità apostolica ed è stata testimone visibile di misteriosa e multiforme santità”».

Il documento affronta diversi temi della vita contemplativa femminile, come fondazione, gestione ed eventuale soppressione dei monasteri e come il concetto di «separazione dal mondo» visto alla luce degli odierni mezzi di comunicazione, e dedica particolare attenzione all’autonomia del monastero, che favorisce «la stabilità di vita e l’unità interna della comunità, garantendo le condizioni per la vita delle monache, secondo lo spirito e l’indole dell’istituto di appartenenza», e alla formazione, che si configura come «un itinerario di tutta la vita, sia personale sia comunitario, che deve portare alla configurazione al Signore Gesù e all’assimilazione dei suoi sentimenti nella sua totale oblazione al Padre».

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Documenti, 2015-38

Le religiose USA viste da Roma

Relazione finale della visita apostolica agli istituti femminili negli USA

Congregazione per gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica
«La vita religiosa apostolica negli Stati Uniti sta vivendo momenti difficili», per questo «abbiamo voluto acquisire una conoscenza più approfondita del contributo delle religiose alla Chiesa e alla società e delle difficoltà che minacciano la qualità della loro vita religiosa e, in alcuni casi, l’esistenza stessa degli istituti». Questa la ragione della visita apostolica agli istituti religiosi femminili negli USA avviata nel 2008 dalla Congregazione per gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica, che ha portato alla stesura del Rapporto finale presentato il 16 dicembre del 2014 dall’attuale prefetto, il card. João Braz de Aviz. Un documento in dodici punti nel quale si traccia il bilancio di un percorso che tra il 2009 e il 2012 «ha coinvolto 341 istituti religiosi» di cui fanno parte circa 50 mila religiose. Il Rapporto riconosce come le religiose siano una forza di bene nel paese, in particolare nella cura agli ammalati e nell’educazione, e pur fotografando realisticamente alcuni problemi, come il calo di vocazioni, evidenzia più le sfide che le controversie. Un capitolo significativo riguarda la comunione ecclesiale, nel quale si chiede che si «rafforzi la collaborazione tra vescovi e religiosi», anche con l’aggiornamento del documento Mutuae relationes.