m
Moralia Tag: discernimento

Moralia Tag: discernimento

Nostra Signora devastata

Lo splendore di una grande chiesa, la ricchezza di un patrimonio culturale, d’arte e di fede che ha attraversato otto secoli: in una notte, rovine (molto tempo ci vorrà per ripararle). Un monumento che è uno dei simboli di una grande città e di una nazione che vi ha celebrato momenti chiave della storia propria, ma anche dell’Europa stessa: in una notte, cenere. Il dolore per la perdita di una bellezza così grande, amata da tanti, l’indignazione per l’accaduto (e l’interrogativo sulle responsabilità che lo hanno reso possibile)...

#JMJ2019 a Panama. Vocazione: del singolo, o della Chiesa?

In questi giorni si sta svolgendo la XXIV Giornata mondiale della gioventù a Panama, e il titolo è «Ecco la serva del Signore; avvenga per me secondo la tua parola» (Lc 1,38). Il tema della «risposta», della «vocazione» ha scandito le tappe e le riflessioni di preparazione a questo evento. Desidero quindi soffermarmi anche io sul tema della «vocazione». Quando parliamo di «vocazione», spesso il nostro primo riferimento è a quella «vocazione» che «informa» (nel senso che «dà forma»)...

Epifania. E piccole cose

«L’epifania tutte le feste si porta via», recita un detto popolare. In altre parole: il 7 gennaio riprenderemo tutti regolarmente il nostro vivere quotidiano, talora abitudinario, talora imprevisto, sempre carico, comunque, d’impegno, scelte, responsabilità morali. Come affrontare il quotidiano? Felicizia versus serendipità (o i magi versus Erode) Possiamo definire «lo stile dei magi» come la storia di un cammino, di una ricerca, di uno studio ma anche di una partenza, di un desiderio, di un viaggio in cui si alzano gli occhi verso il cielo. Aperta...

Sinodo giovani: una Chiesa che ringiovanisce

Sinodo dei Vescovi (3-28 ottobre) su giovani, fede e discernimento vocazionale. Raccolgo qualche flash: poltroncine che solitamente ospitano prelati dagli abiti eleganti scuri, reggono seduti qua e là giovani provenienti da ogni dove; testimonianze di giovani che in giro per il mondo mettono a repentaglio la propria vita e la propria libertà per dire, con gesti e parole, il loro aver scelto Gesù Cristo; gruppi di lavoro dal confronto sincero e senza paura; 15 hashtag con cui il Sinodo si racconta nelle sue intenzioni e sfide; vescovi dai volti sorridenti, che stringono le mani...

Moralia 2019: gli occhi e le mani

Moralia è ormai una realtà consolidata, in cui trova espressione la collaborazione tra Il Regno e l’Associazione teologica italiana per lo studio della morale (ATISM). La sua attività – articolata in «Blog» e «Dialoghi» – non mira certo all’organicità di un’elaborazione sistematica. Quello che si propone qui è piuttosto la condivisione di uno sguardo moralmente ispirato; di un pensiero teso a interpretare eticamente il tempo che abitiamo, complesso e spesso contraddittorio. Per questo è così...

Ne uccide più la lingua della spada. Del parlare e della verità

I recenti attacchi alla persona e all’operato di papa Francesco costituiscono motivo di preoccupazione e impongono una riflessione, pacata ma non priva di fermezza e stile evangelico. Questo post, espressione della Redazione di Moralia, intende collocarsi nello spazio di un’opinione pubblica sempre più invasa da notizie artificiosamente costruite (fake news) a fini ideologici e di adesioni (o dissensi) che, quando superano lo stadio del puro «like» dei social, tendono ad assumere forme aggressive e faziose. Vogliamo offrire la nostra competenza e il nostro stile propositivo per illuminare gli elementi fondamentali di una comunicazione umana attenta all’oggettivo della verità e al contesto della sua imprescindibile dimensione relazionale. Riteniamo che questo testo possa rappresentare un sincero servizio all’intelligenza di tutti, per un discernimento di quanto oggetto di dibattito pubblico.

Ripensiamo l’etica? Un invito dai giovani

La pubblicazione dell’Instrumentum laboris per il prossimo sinodo su I giovani, la fede e il discernimento vocazionale, frutto delle ampie consultazioni svolte nelle conferenze episcopali mondiali e tra gli stessi giovani, si propone come un utile indicatore di percorso non solo per la pastorale rivolta alle nuove generazioni, ma anche per proseguire o riavviare una distesa riflessione che può chiamare in causa il lavoro dei teologi morali. Senza entrare nell’architettura del documento, né individuare i suoi punti di forza o esaurire i temi introdotti nell’ampio...

I vescovi: l’ospitalità come imperativo

L’intervento di Camillo Ripamonti della scorsa settimana ha evidenziato una volta di più quanto centrali siano in questi mesi i temi dell’accoglienza e delle migrazioni; a essi Moralia ha già dedicato il primo Dialoghi del 2018, curato da René Micallef, ma anche altri interventi (come, ad esempio, quelli di M. Dal Corso, S. Morandini, F. Compagnoni...). In questo post ci limitiamo a richiamare alcuni elementi della bella lettera Comunità accoglienti. Uscire dalla paura della Commissione episcopale per le migrazioni della CEI, che significativamente porta...

«Parole della bioetica»: sorella morte | 1

Secondo il mito greco, Sisifo ingannò Ade, la morte, e perciò fu costretto a spingere un masso di pietra dalla base fino alla sommità di una collina, dove il masso sarebbe immancabilmente scivolato a valle, costringendo Sisifo a una nuova scalata, a un lavoro «assurdo» (secondo la definizione di A. Camus), per l’eternità. Da “ingannare la morte” a meditare su essa Come si può oggi «ingannare» la morte, riducendo noi stessi a dei piccoli Sisifo, a vivere un’esistenza «assurda»? Ritengo che uno dei grandi...

«Parole della bioetica»: sorella morte | 2

Se nel post parallelo, curato da Gaia De Vecchi, per introdurci a una riflessione etica sulla morte si faceva riferimento al mito di Sisifo – costretto a un «lavoro assurdo» per aver ingannato Ade – vorremmo ora servirci ancora della mitologia per ampliare e stimolare la discussione su un tema così delicato, ma di cui spesso si preferisce non parlare. Demofonte era figlio dei sovrani di Eleusi, Celeo e Metanira. Fu allevato da Demetra la quale, sotto mentite spoglie, percorreva la terra alla ricerca della figlia Persefone, rapita da Ade. La dea dell’agricoltura...