m
Moralia Tag: teologia

Moralia Tag: teologia

Anche i blog hanno una storia

Per parlare di blog, uno strumento comunicativo piuttosto recente e con finalità molto diverse tra loro - dal diario personale-collettivo, alla piattaforma informativa fino allo strumento di marketing, ora sempre più in concorrenza con i social media - occorre un po’ di storia. Secondo www.blooacademy.it fu Jorn Barger che inventò a metà degli anni Novanta il web-log ovvero il logging the web. La formula iniziale del blog (termine poi coniato da Peter Merholz nel 1999) era un embrionale strumento di condivisione di freddi e interminabili elenchi di risorse o appunti...

Etica nel cyberspazio (con alcuni assaggi)

Cyberspazio: un'espressione risalente all'immaginifico scrittore cyberpunk William Gibson, che ne ha fatto ampio uso a partire dalla metà degli anni '80 (il racconto La notte che bruciammo Chrome risale al 1982). Egli scriveva da pioniere, ancora su una macchina da scrivere, in un'epoca remota per le dinamiche della tecnologia: da poco nata Internet (ancora soprattutto per la comunità scientifica - oltre al mondo militare, da cui proveniva); ancora da venire il World Wide Web. Parecchie sue opere (Neuromante, Mona Lisa Cyberpunk, Giù nel cyberspazio....) sono ormai diventate...

Dal De quolibet al blog: continuità ed evoluzione di un modello comunicativo in teologia

De quolibet Avvento 1256: primo anno di attività accademica a Parigi del frate domenicano Tommaso d’Aquino e primo Quodlibet (il cui tracciato è attualmente in Quodlibet VII). Accanto a una rigorosa escussione sui sensi della Scrittura, ecco un argomento che aveva suscitato all’epoca vivaci contrasti: l’obbligo morale per i religiosi di lavorare con le proprie mani, per combattere la pigrizia, frenare la sensualità e provvedere alle necessità della vita. L’equilibrio di Tommaso evita sia di accentuare una teologia della perfezione fino a sdegnare...

Fare blog in genere

L’idea di aprire sul sito del Coordinamento teologhe italiane una sezione di tipo giornalistico era emersa, tempo fa, ma era anche stata rapidamente messa da parte per la mole di lavoro che avrebbe comportato. Poi è arrivata la proposta del Regno, e l’abbiamo accettata con quel poco o tanto di incoscienza che ogni invito sollecita e in qualche modo consente, anche se in realtà la responsabilità aumenta, perché non è più solo verso quelli “di casa propria”. L’esperienza del Regno delle donne ha pochi mesi di vita (il primo...

La divulgazione è una virtù. Riconnettere la ricerca con la vita delle comunità

L'avvento di Internet è stato salutato come l'apertura di una stagione in cui ognuno avrebbe avuto la possibilità di cercare e diffondere conoscenze e informazioni, di collegarsi con il mondo, di prendere pubblicamente la parola senza dover passare attraverso i media mainstream – cosa impossibile per il comune cittadino. Sembrava uno strumento, quindi, che avrebbe fatto crescere la democrazia, dando a tutti – gruppi, minoranze, singoli cittadini – la possibilità di prendere “pubblicamente” la parola e di mettere in circolo i propri contenuti. Ci...

Presenza e assenza

Mi è stato chiesto uno scritto per questo Dialoghi. Ma, io non ho partecipato al panel Theobloggers? Parlare di Dio sul Web, svoltosi a Bologna il 6 marzo 2018 in occasione dell’European Accademy of Religion (EUARE). Cosa potrei mai dire? Sebbene Simone Morandini mi abbia definita “insostituibile coordinatrice operativa” di Moralia, io a EUARE per quanto invitata, ero assente-giustificata. Ero in “viaggio di istruzione” con i ragazzi della scuola in cui insegno, con cui condivido il quotidiano. Ma è proprio questo su cui voglio soffermarmi. Ecco...

Maddalena e la Pasqua: lacrime in movimento

La fede autentica è quella forgiata nel dolore, tra lacrime in movimento e speranza. Soltanto le lacrime che scorrono conducono alla speranza più vera e non a un astratto: tengono sempre conto della situazione reale. A Marta, che piange suo fratello Lazzaro, Gesù annuncia: «Io sono la risurrezione e la vita» (Gv 11,25). Particolare non trascurabile: prima la risurrezione e poi la vita, poiché soltanto passando attraverso la morte – e risorgendo da essa – è possibile accedere alla vita vera. Gesù, infatti, non ci salva dalla morte,...

Placido Sgroi. Per l'etica ecumenica

I lettori di Moralia conoscono bene Placido Sgroi: solo quattro i suoi interventi, nei tre anni di vita di questa testata, ma lucidi e puntuali nel delineare i temi affidatigli. In essi si colgono alcune dimensioni qualificanti della sua attività di moralista e in particolare l'attenzione per la dimensione ecumenica, coltivata per l'intera sua esistenza di laico teologo. Non emerge, però, da essi la saggia affabilità, che gli ha permesso di operare efficacemente dal 2009 al 2017 come vicepreside dell'Istituto di Studi Ecumenici «San Bernardino» di Venezia, in cui...

Lorenzetti: etica per l’oggi

Con la morte di Luigi Lorenzetti la teologia morale italiana perde uno dei protagonisti più importanti della stagione postconciliare. E questo non solo per il contributo offerto attraverso il suo insegnamento e la sua produzione scientifica, ma anche per il prezioso lavoro di coordinamento e di stimolo che ha saputo fornire alla ricerca in qualità di direttore della Rivista di teologia morale e di presidente dell’Associazione teologica italiana per lo studio della morale (ATISM). Precursore del rinnovamento della teologia morale Non è questa la sede per ripercorrere,...