o
l'Ospite

l'Ospite

Evoluzione: infrangere un dogma

L’età moderna credeva a una natura culturale garantita da un ordine intrinseco, autoregolata da sicuri istinti, ma a dispetto d’ogni ottimismo della scienza e della tecnica, la nostra età non lo crede più anche se essa non ha trovato ancora nulla di meglio. 

Concorso insegnanti di religione: una proposta

Gli insegnanti di religione sono gli unici che sono rimasti esclusi dal piano di stabilizzazione avviato dallo stato italiano per gli insegnanti precari. Ora il concorso di cui si attende l'indizione potrebbe sanare la discriminazione. Ma quali caratteristiche dovrebbe avere?

Un criterio per orientarsi nella complessità: costruire

Come mai il vescovo di Roma si occupa di chi si muove «nel traffico con criterio e prudenza», di chi rispetta «i luoghi pubblici e segnala le cose che non vanno». Che cosa c’entrano queste attenzioni con la cura pastorale?

Le schiave e gli schiavi di oggi

Oggi sono qui per rappresentare il Gruppo Santa Marta, una rete internazionale che riunisce la Chiesa e i leader delle forze dell'ordine in una campagna di azione congiunta per combattere la tratta di esseri umani e la schiavitù moderna. Parlo quindi a nome della comunità cattolica e dei nostri partner per ribadire la nostra determinazione a fare tutto quello che è in nostro potere per opporci a coloro che sfruttano la disperazione umana e per affrontare la vulnerabilità che esponele persone allo sfruttamento. Voglio in particolare concentrarmi sui fondamenti...

Le religioni nello spazio pubblico

Sono due i fattori favorevoli alla libertà del pensiero prodotti dalla globalizzazione. Il primo è l’inevitabile mescolanza delle religioni negli stati a causa delle migrazioni. Il secondo è che questa concorrenza delle religioni con lo sviluppo della libertà di coscienza implica un movimento di riconoscimento dell’adesione personale a forme di individualizzazione delle credenze religiose. Ciò comporta un’offerta di religioni che permette la scelta all’individuo, ma in questo modo la verità religiosa perde sul mercato delle credenze...

Yemen, Libano, Israele

Il 4 novembre le forze ribelli yemenite houti hanno lanciato un missile contro la capitale dell’Arabia saudita Riyad. Il fatto di per sé non costituirebbe una notizia, visto il sanguinoso conflitto che da più di due anni affligge il paese (cf. Regno-att. 2,2016,22; 4,2016,106) in contrapposizione all’Arabia saudita. Il missile non ha raggiunto l’obiettivo poiché è stato neutralizzato prima. Ciò che interessa è il fatto che il suo lancio (uno dei più precisi di questo conflitto) è avvenuto assieme a una serie di altre circostanze...

Sulla diversità delle religioni

I fatti scientifici, letterari, politici accaduti durante il secolo scorso, che ci precede ormai da 17 anni, sono di massima importanza. Ci fu una crisi politica ai suoi inizi poi superata positivamente. Ci fu nel costume della borghesia altolocata la Belle Epoque in tutta Europa. Ci fu la Prima e poi, dopo vent’anni, la Seconda guerra mondiale, con la nascita del fascismo e del nazismo che provocarono la guerra e poi la persero e caddero ideologicamente e fisicamente. Ci fu, esattamente un secolo fa, la Rivoluzione bolscevica con tutto quello che comportò in Russia, in Cina, in Vietnam...

Il film "L'equilibrio"

Un'irritante pratica in continuo aumento è l’abuso della dicitura “tratto da una storia vera”, che sembra un segno di debolezza epistemologica e di cattiva coscienza, come a voler scontare, se non rinnegare, i fasti della libertà inventiva. Del tutto diverso è “L’equilibrio” di Vincenzo Marra, una storia che parla di vite spezzate ai confini della città di Napoli, autentica e lontana da ogni folklore.   Giuseppe, un sacerdote campano già missionario in Africa, opera in una piccola diocesi di Roma. Messo in crisi nella...

L'uomo che comunicò la Chiesa di Giovanni Paolo II

«È impossibile pensare a Giovanni Paolo II sotto la sua dimensione pubblica senza incontrare la figura di Navarro Valls. Il papa apprezzava la sua intelligenza e, penso, il suo consiglio. Non era uno “strumento” intelligente, era un collaboratore preziosissimo che trovava sempre le formule giuste». Così padre Federico Lombardi, ex direttore del Centro Televisivo Vaticano, di Radio Vaticana nonché della Sala Stampa vaticana sotto il pontificato di Benedetto XVI e nei primi tre anni di quello di Francesco, ha ricordato Joaquín Navarro Valls,...

Vaticano: la scomunica per corrotti e mafiosi

Il Vaticano sta studiando l’ipotesi di scomunica per corruzione e mafia per tutti coloro che si macchiano di tali crimini. Un Gruppo di lavoro è impegnato sulla redazione di un apposito decreto ufficiale. È quanto si è appreso dal dicastero per il Servizio dello sviluppo umano integrale, dopo il seminario internazionale sulla corruzione, svoltosi nei giorni scorsi in Vaticano. Al «Dibattito internazionale sulla corruzione» hanno partecipato circa 50 magistrati anti mafia ed anti corruzione assieme a vescovi, varie personalità di istituzioni vaticane,...