d
il Regno delle Donne

il Regno delle Donne

Uomini e donne nella Chiesa: la corresponsabilità, per esempio

La corresponsabilità ecclesiale ha a che fare con la differenza di genere: non si tratta di dividersi ambiti di competenza, ma di pensarsi nella parzialità, rispettarsi nella diversità, relazionarsi nella reciprocità. Riconoscendo l’autorità femminile e riconsiderando la formazione e l’esercizio del ministero ordinato

Il gender system della santità

Ci sono santità diverse per uomini e donne? Leggendo il Messale sembrerebbe di sì: i formulari riservati alle sante, riflettendo una mentalità patriarcale, non rimandano – come avviene invece per i santi - alla pienezza dell’esistenza in Cristo, ma a caratteristiche e ruoli stereotipati. E l’esaltazione della verginità fisica del corpo femminile è tale che la si ritiene più importante della vita stessa.

Sinodo 2018 - Non è più tempo di difendersi

Credenti e/o atei, comunque poco e relativamente. Così molti giovani, come appare dalle ultime inchieste e anche dall’esperienza di molti adulti. Certo, poi, si sente dire: ma i giovani non sono tutti così, ce ne sono tanti che…, ci sono tanti bravi giovani, il volontariato… e via dicendo. I “nostri” giovani. C’è un clericalismo che non dipende semplicemente dall’appartenere al clero; è una forma mentis che ritiene “rilevante” ciò che entra esattamente e senza frizioni nella propria mente; il resto è...

Sinodo 2018 - In direzione ostinata e contraria

Io partirei da qui, da questa frase con cui papa Francesco ha aperto le riunioni presinodali di marzo: «Dopo questo, io effonderò il mio spirito sopra ogni uomo e diverranno profeti i vostri figli e le vostre figlie; i vostri anziani sogneranno, i vostri giovani avranno visioni» (Gioele 3,1). La bellezza di una dinamicità spirituale che fa di tutti noi, giovani e meno giovani, donne e uomini chiamati alla profezia, alla visione, al sogno. Da giovane studentessa di teologia posso solo esprimere la responsabilità ma anche la leggerezza che viene dalla mia vocazione...

Le regole del Sinodo, le domande delle donne

Alla XV Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi, in corso a Roma, avranno diritto di voto anche alcuni uomini non ordinati, ma nessuna delle donne presenti. Perché? È possibile un cambiamento, come chiede il movimento “Votes for catholic women”? E soprattutto, sarebbe questa la soluzione all’esigenza diffusa di una reale e autorevole partecipazione femminile alla vita della Chiesa?

Stare al mondo come Francesco piccolino

Nella vita del Santo d’Assisi ci sono alcune intuizioni di fondo che sembrano ancora disattese, nonostante la larga fama e la grande devozione che circondano il frate del Cantico delle creature. Queste riguardano la fragilità, la comunione nella Chiesa, l’inclusione sociale, i rapporti fra uomini e donne. Ricordarle è un buon modo per celebrare la festa del 4 ottobre.

Di fronte alla perversione del potere

In dialogo con una riflessione di Marcello Neri a proposito degli abusi sessuali che, come ha scritto papa Francesco, sono sempre anche abusi di potere e di coscienza: forse la Chiesa può uscire dall’ "incapacità paralizzante nel far fronte al proprio fallimento" ascoltando le voci e l’esperienza delle donne.

Nessuna croce manca

È il cuore, nella poesia di Ungaretti, il paese più straziato: nella passione del mondo la festa di Maria di Magdala non è memoria intimistica, ma annuncio nella storia a interrompere i discorsi di odio che deformano le nostre coscienze e inquinano lo scenario culturale e politico.

Ogni coppia è unica, come la sua fecondità

Rileggere oggi l’enciclica Humanae vitae significa assumere seriamente la complessità dei rapporti tra i sessi e del concetto stesso di fecondità. Più che “manuali d’istruzione” sull’amore, la famiglia e la regolazione della fertilità, serve il discernimento che accompagna la crescita delle persone e delle relazioni. Spunti da un ciclo di conferenze in Gregoriana.

Il Sant'Uffizio: c'era una volta, or non c'è più

Congiuntura o congiura? Osservati dall'esterno alcuni atti della curia romana mostrano una singolare convergenza di misure restrittive, interpretazioni riduttive, indicazioni selettive, e in almeno due casi c'entrano le donne. Speriamo di poter presto dissipare i timori di una strategia di contro/riforma rispetto agli auspici di Francesco.