A
Attualità
Attualità, 2/1981, 15/01/1981, pag. 17

L'arcivescovo: per ora c'è libertà

M.G.

Leggi anche

Attualità, 2021-14

Donne e ministero ordinato - 2 / Chiesa battista: la trasformazione

Donne pastore: una prassi da consolidare

Lidia Maggi

Sono passati ormai quasi 40 anni dall’Assemblea generale delle Chiese battiste in Italia quando, nel 1982, con consenso unanime, fu votato per la prima volta il riconoscimento del ministero pastorale femminile. Gli anni che precedono questo traguardo sono caratterizzati da dibattiti locali e nazionali, da convegni su tematiche legate alla pluralità di ministeri e al ruolo delle donne nella società, nella Chiesa e nelle Scritture. Dibattiti che porteranno a maturare una sensibilità inedita rispetto al ruolo pastorale delle donne.

 

Attualità, 2021-14

M. Chiodi (a cura di), Discernimento e phronesis

Tradizione spirituale, Scrittura e teoria morale

Bianca Maggi

Il libro stesso, attraverso il contributo di diversi autori, è un percorso che invita a mantenere uno sguardo aperto – si direbbe «ermeneutico» – dalle parole del titolo all’orizzonte più vasto entro cui esse emergono. La linea dell’orizzonte è disegnata dal rapporto tra filosofia e teologia morale la cui stretta relazione dialogica, particolarmente rilevante per comprendere l’esperienza morale, è (anche) testimoniata dalla traduzione, operata da S.Tommaso, dell’aristotelica phronesis con prudentia.

 

Documenti, 2021-13

Il governo delle associazioni di fedeli

Dicastero per i laici, la famiglia e la vita

Il Dicastero per i laici, la famiglia e la vita «ha ritenuto necessaria la regolamentazione dei mandati delle cariche di governo quanto a durata e a numero, come anche la rappresentatività degli organi di governo, al fine di promuovere un sano ricambio e di prevenire appropriazioni che non hanno mancato di procurare violazioni e abusi». Perciò l’11 giugno ha pubblicato il decreto Le associazioni di fedeli, che disciplina l’esercizio del governo nelle associazioni internazionali di fedeli, private e pubbliche, e negli altri enti con personalità giuridica soggetti alla vigilanza diretta del medesimo Dicastero.

Approvato da papa Francesco in forma specifica, il testo – come evidenzia anche la Nota esplicativa che lo accompagna – identifica due aspetti necessari per un retto esercizio del governo: regolamentare la durata dei mandati degli organi di governo a livello internazionale e garantire la rappresentatività degli stessi. Si dispone quindi che i mandati non possano superare i 5 anni, e che singoli soggetti non possano esercitare più di due mandati consecutivi (con un’eccezione per i fondatori). Le associazioni poi devono garantire a tutti i membri di partecipare, direttamente o indirettamente, all’elezione degli organismi centrali di governo. Le norme qui descritte sostituiscono quanto previsto dagli statuti delle diverse associazioni, se discordanti.