A
Attualità
Attualità, 16/2016, 15/09/2016, pag. 487

Colombia: la firma e il dopo

Intervista a mons. H. Pinzon Guiza, vescovo di Puerto Leguizamo

Gabriella Zucchi

Non più «la guerra, non più» ripete il presidente Juan Manuel Santos, visibilmente commosso, e il pubblico gli fa eco replicando lo slogan più e più volte. Cartagena de Indias, 26 settembre 2016: ai 25.00 invitati è stato chiesto di vestire di bianco, come i protagonisti sul palco. È la firma dell’accordo di pace tra il governo colombiano e le Forze armate rivoluzionarie della Colombia - Esercito del popolo (FARC-EP), rappresentate dal comandante Rodrigo Londoño Echeverri, alias «Timochenko». Nelle prime file siede il segretario di stato Vaticano, Pietro Parolin. Espressamente ringraziato è papa Francesco «per i messaggi e le preghiere che hanno sempre sostenuto il nostro cammino verso la pace».

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-16

Spagna – Catalogna: l’indulto che divide

Gabriella Zucchi

L'indulto che il 22 giugno il governo di Pedro Sánchez ha concesso a 9 leader separatisti catalani, condannati per sedizione e appropriazione indebita a seguito dei gravi eventi (referendum e dichiarazione d’autonomia) avvenuti in Catalogna nell’ottobre 2017, divide la Spagna e anche la Chiesa cattolica.

 

Attualità, 2021-16

America Latina – Haiti: tragedie nella tragedia

Gabriella Zucchi

L'assassinio del presidente, il sisma di magnitudo 7.2, la tempesta tropicale Grace: questi i tragici eventi che hanno colpito la Repubblica di Haiti negli ultimi due mesi. Soltanto lo scorso aprile avevamo titolato «Il paese affonda» (cf. Regno-att. 2021,8,230). Difficile trovare oggi parole se non drammatiche.

 

Attualità, 2021-12

America Latina - Cile: un modello democratico

Gabriella Zucchi

Non si è ripetuto l’exploit del plebiscito del 25 ottobre, che, in un paese in cui l’affluenza al voto è di norma piuttosto scarsa, aveva visto accorrere alle urne più del 50% degli elettori per esprimersi sull’opportunità di mettere mano a una nuova Costituzione. Ma il 15 e16 maggio (oltre un mese dopo la data stabilita, a motivo della pandemia) il 42,5% dei cileni ha comunque eletto i 155 delegati che dovranno redigere la nuova Carta costituzionale, superando completamente quella del 1980, varie volte emendata, ma pur sempre figlia dell’era Pinochet.