A
Attualità
Attualità, 20/2016, 15/11/2016, pag. 593

Stati Uniti - Chiesa ed elezioni: una post-identità

I cattolici nell’era Trump

Massimo Faggioli

Contro le previsioni di quasi tutti gli analisti e i sondaggisti, le elezioni dell’8 novembre 2016 hanno portato alla Casa Bianca l’imprenditore, bancarottiere e celebrità televisiva Donald J. Trump (Regno-att. 18,2016,513). È un risultato che cambia la democrazia americana e che non deve essere banalizzato. Trump è stato eletto anche grazie agli appelli alla violenza e all’odio razziale lanciati in un codice molto facile da interpretare, in un paese in cui molti afroamericani hanno memoria diretta dei linciaggi. Messaggi antisemiti hanno fatto parte della campagna di Trump, appoggiata non solo dal Ku Klux Klan, ma anche da quei settori della società americana noti per posizioni di «white supremacy».

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-6

Stati Uniti - Chiesa cattolica: al fronte

I primi provvedimenti di Joe Biden

Massimo Faggioli

Ha avuto vita breve, meno di tre mesi, il gruppo segreto della Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti (USCCB), istituito nel novembre 2020 per trattare il problema inedito di un cattolico liberal come Joe Biden alla Casa bianca: il tema sarebbe stato quello della partecipazione alla comunione eucaristica da parte del presidente e della presunta «confusione» che il ruolo di Biden avrebbe creato nei cattolici circa il vero insegnamento della Chiesa. Uno scoop del National catholic reporter a metà febbraio dava notizia dello scioglimento della commissione, sul quale il presidente della Conferenza episcopale ha fornito notizie ai vescovi solo il primo giorno di marzo.

Attualità, 2021-2

Stati Uniti - Capitol Hill: chi fermerà l’estremismo?

Domande scomode per la Chiesa cattolica

Massimo Faggioli
L’assalto del 6 gennaio 2021 alla sede del Congresso degli Stati Uniti a Washington da parte dei sostenitori di Trump non è stato un incidente causato da una sbalorditiva mancanza di preparazione (o connivenza) delle autorità responsabili dell’ordine pubblico. È un episodio che s’iscrive in una serie di minacce da parte di milizie armate contro parlamenti e governatori...
Attualità, 2020-22

Stati Uniti - Presidenziali: il secondo cattolico

Biden e la profonda spaccatura della Chiesa USA

Massimo Faggioli

L’elezione di Joe Biden, il secondo presidente cattolico della storia statunitense, chiude il quinquennio tra il 2016 e il 2020, per molti versi straordinario nella storia dei rapporti tra gli Stati Uniti, il papato e la Chiesa cattolica. Il voto di circa la metà dei cattolici americani per Trump, per la seconda volta (con uno spostamento a favore di Biden sensibile, ma non drammatico rispetto al 2016) va letto in parallelo al mancato ralliement dei cattolici americani a papa Francesco, che ha avuto il suo tentativo più visibile nel viaggio apostolico del settembre 2015.