A
Attualità
Attualità, 22/2016, 15/12/2016, pag. 662

Asia - FABC: famiglia, una missione

Stefano Vecchia

L'Asia, con le sue culture, lingue, fedi, problemi, potenzialità è una sfida costante per la Chiesa e con la sua costante evoluzione sembra rimetterne continuamente in discussione impegno, metodi e risultati. Così è anche per le linee di indirizzo comuni individuate dagli incontri plenari dell’organismo che rappresenta a livello continentale la Chiesa cattolica, la Federazione delle conferenze episcopali dell’Asia (FABC).

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-6

Asia - Pakistan: l’eredità di Bhatti

Stefano Vecchia
Il 2 marzo 2011 un uomo della scorta, un estremista islamico aderente al movimento Tehrik-i-Taliban Pakistan uccideva a colpi d’arma da fuoco nella capitale pachistana Islamabad il ministro per gli Affari delle minoranze religiose, Shahbaz Bhatti, considerato «blasfemo». Il cattolico Bhatti, assassinato a 42 anni, celibe per scelta fatta per concentrarsi sul suo impegno civile, nel...
Attualità, 2021-4

Indonesia. Il ritorno dell’estremismo

Stefano Vecchia

L’avvio della campagna vaccinale il 13 gennaio ha rappresentato sia l’avvio di un’iniziativa essenziale per la salute degli indonesiani sia la possibilità per il paese di individuare una via d’uscita da uno stallo che rischia di ridurre drasticamente lo sviluppo stentato degli ultimi anni guidato dal presidente Joko Widodo. Riformista, al secondo mandato consecutivo, Widodo sin dalla prima elezione nel 2014 ha cercato di coinvolgere la nazione in un progetto comune di crescita economica e sociale.

 

Attualità, 2021-4

Myanmar: il secondo golpe

Stefano Vecchia

Dal 1° febbraio il Myanmar (l’ex Birmania rinominata così un trentennio fa per togliere al paese un residuo retaggio coloniale) è tornata sotto il potere delle forze armate. Un colpo di stato incruento ha impedito l’inaugurazione del nuovo Parlamento uscito dalle elezioni dell’8 novembre 2020 e costretto in carcere o agli arresti domiciliari buona parte della élite politica e decine di potenziali oppositori.