A
Attualità
Attualità, 8/2017, 15/04/2017, pag. 203

Italia - Nomine episcopali: per un terzo «francescane»

Panoramica dei nuovi vescovi (2016-2017) in attesa della scelta del nuovo presidente della CEI

Guido Mocellin

Il primo è stato mons. Paolo Selvadagi, uno degli ausiliari del vicariato di Roma (settore Ovest). L’ultimo, il 17 marzo scorso, è mons. Ovidio Vezzoli, inviato a Fidenza, come successore di mons. Mazza, da Brescia, dove era prefetto degli studi. In mezzo, una quantità di nomine di nuovi vescovi che, dopo la lenta partenza del primo anno (solo 7), ha proceduto a un ritmo piuttosto costante: 20 nel 2014, 18 nel 2015, 23 nel 2016 e 6 nei primi tre mesi del 2017, così che a tutt’oggi il 30% dei membri della Conferenza episcopale italiana è stato scelto durante il pontificato di Francesco. Ma vediamo, in dettaglio, le scelte compiute nel 2016 e in questo primo scorcio del 2017.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-6

Italia – CEI. Il Mediterraneo chiede pace

Guido Mocellin

Il Mediterraneo «è un luogo dello spirito e non solo geografico. I confini del Mediterraneo arrivano fino in Ucraina. Per questo diciamo “No” alla guerra, “No” alla guerra, “No” alla guerra!» (Dario Nardella, sindaco di Firenze). Svoltosi dal 23 febbraio al 27 febbraio 2022, praticamente in contemporanea all’inizio dell’invasione dell’Ucraina decisa dal leader russo Putin, «Mediterraneo frontiera di pace 2» conteneva già nel titolo la responsabilità d’esprimere un giudizio sulla tragedia in atto nell’Est Europa, e a tale responsabilità l’evento non si è certo sottratto.

Attualità, 2022-6

F. Colagrande, Ricordati di sanificare le feste

Fantacronache di rinnovamento pastorale post-pandemia

Guido Mocellin

Il volume ci mostra i nostri «vizi» ecclesiali, quelli tradizionali e quelli di più recente concezione: il «convegnismo» e «riunionismo» (versioni artefatte della sinodalità, che attraversano molti capitoli) e il clericalismo, l’immobilismo e il «digitalismo» e «giovanilismo», il «documentismo», il maschilismo e le piccole forme di clientelismo. Fino all’abuso del linguaggio ecclesialese, di cui esibisce vari saggi tanto nella versione «progressista» quanto in quella «tradizionalista».

Attualità, 2022-2

M. Pappalardo, L. Galliani, A. Petralia, Testimoniate il Vangelo con la vostra vita: andare in Rete

Guido Mocellin

Il testo fa da apripista a una nuova collana destinata ai soggetti della pastorale giovanile, «Dio_on. Questione di connessioni». Dunque il genere letterario è quello del sussidio: genere «smart», caro tanto all’editoria religiosa, quanto alle comunità parrocchiali. I titoli dei primi capitoli: «Facebook. L’altra faccia da mostrare»; «Instagram. Immagini per coinvolgere e far pensare»; «TikTok. Dio bussa dove meno te l’aspetti»; «YouTube. Chi cercate?» bastano per intuire gli ottimi suggerimenti che gli autori offrono su come stare ed educare a stare sulle principali piattaforme.