A
Attualità
Attualità, 8/2017, 15/04/2017, pag. 203

Italia - Nomine episcopali: per un terzo «francescane»

Panoramica dei nuovi vescovi (2016-2017) in attesa della scelta del nuovo presidente della CEI

Guido Mocellin

Il primo è stato mons. Paolo Selvadagi, uno degli ausiliari del vicariato di Roma (settore Ovest). L’ultimo, il 17 marzo scorso, è mons. Ovidio Vezzoli, inviato a Fidenza, come successore di mons. Mazza, da Brescia, dove era prefetto degli studi. In mezzo, una quantità di nomine di nuovi vescovi che, dopo la lenta partenza del primo anno (solo 7), ha proceduto a un ritmo piuttosto costante: 20 nel 2014, 18 nel 2015, 23 nel 2016 e 6 nei primi tre mesi del 2017, così che a tutt’oggi il 30% dei membri della Conferenza episcopale italiana è stato scelto durante il pontificato di Francesco. Ma vediamo, in dettaglio, le scelte compiute nel 2016 e in questo primo scorcio del 2017.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-20

Stati Uniti - Violenze: preti contro vescovi

Un'ampia ricerca sull'erosione della fiducia causata (anche) dalla gestione della crisi

Guido Mocellin

Se per la Chiesa francese la pubblicazione del Rapporto CIASE (ottobre 2021) si sta confermando, anche in questi giorni, un tornante decisivo nella storia recente dei cattolici d’Oltralpe, per la Chiesa cattolica degli Stati Uniti il documento periodizzante è la Carta di Dallas: segna infatti la svolta dei vescovi, intrapresa nel 2002 dopo mesi di travaglio e di forte sovraesposizione mediatica, in risposta alla «sexual abuse crisis» (cioè alle rivelazioni di violenze sessuali ai danni di minori compiute da preti), sintetizzata col termine di «tolleranza zero».

Attualità, 2022-16

G. Berti (Gioba), L. Galliani, Le vignette del Signore sono infinite

La storia della Chiesa disegnata con il sorriso

Guido Mocellin

80 istantanee di storia della Chiesa: 23 prese durante il primo millennio, 49 tra Urbano II e Pio IX e 28 da Leone XIII all’oggi del Sinodo sulla sinodalità. Un modo per affacciarsi sul passato e sul presente di una Chiesa di cui, contrariamente a certe ricorrenti tentazioni, non si può fare a meno: «Sarebbe come tagliare il ramo sul quale si è seduti», dicono gli autori in premessa.

 

Attualità, 2022-16

F. Bolzetta (a cura di), La Chiesa nel digitale

Strumenti e proposte

Guido Mocellin

Quella di Bolzetta è una curatela perché tanto i tutorial quanto il libro sono un lavoro di squadra, con il valore aggiunto dell’alta qualità di divulgatore scientifico che egli aveva già ampiamente messo in mostra nei video e che questa sua fatica cartacea conferma. È inoltre un libro da leggere con lo smartphone in mano: molti riferimenti a siti e pagine web sono riportati, fin dalla copertina, con un QR code, così da accedervi in modo diretto e immediato. Ma per chi preferisce strumenti più tradizionali ci sono anche delle tavole fuori testo, nelle quali alcuni capitoli trovano un’utile sintesi.