A
Attualità
Attualità, 10/2018, 15/05/2018, pag. 263

Dibattito - Sinodo di Milano: non per pietà

L’effettiva integrazione degli immigrati nella Chiesa è ancora da costruire

Maurizio Ambrosini

Molti immigrati trovano nelle appartenenze, aggregazioni e pratiche religiose un punto di riferimento importante nella loro esperienza d’insediamento in terra straniera. All’interno stesso delle religioni storiche, l’accoglienza degli immigrati mette in moto dinamiche variegate. In questo panorama, la diocesi di Milano ha introdotto un segno di novità, avviando con mons. Mario Delpini un «Sinodo minore» dedicato alla «Chiesa dalle genti», ossia alla presenza dei fedeli di origine immigrata e si può immaginare – come ha scritto anche don Antonio Torresin – cf. Regno-att. 8,2018,214 – ne possano scaturire novità interessanti.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-18

M. Ambrosini, S.D. Molli, P. Naso, Quando gli immigrati vogliono pregare

Comunità, pluralismo, welfare

Maurizio Ambrosini

L’immigrazione ha rappresentato uno dei fattori più rilevanti di cambiamento della società italiana negli ultimi decenni. Non è sempre facile riconoscerlo, e i conflitti politici e culturali che hanno accompagnato il fenomeno hanno drammatizzato le questioni poste, più che contribuire a risolverle.

 

Attualità, 2022-14

Rifugiati - ONU: niente casa per 100 milioni

Il Rapporto UNHCR 2022

Maurizio Ambrosini

Il 20 giugno, in occasione della Giornata mondiale dei rifugiati, si tengono manifestazioni in molti paesi del mondo e l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) pubblica un rapporto annuale, che aggiorna i dati su questo crescente dramma del nostro tempo.

 

Attualità, 2022-8

Europa - Migrazioni: dal cuore alla mente

La svolta nelle politiche migratorie aperta con l’Ucraina non riguarda tutti

Maurizio Ambrosini

L’attesa svolta nelle politiche europee dell’asilo è arrivata in modo improvviso e drammatico, ma ancora parziale. Ai primi di marzo la Commissione Europea, posta di fronte alla necessità di rispondere all’emergenza umanitaria provocata dalla guerra in Ucraina, ossia all’arrivo di un ingente numero di profughi.