A
Attualità
Attualità, 10/2018, 15/05/2018, pag. 301

Messico - Chiesa: preti e giornalisti nel mirino

Gabriella Zucchi

In questo 2018 sono già 5 i sacerdoti morti in Messico a seguito d’atti di violenza. Mentre si contano a centinaia le minacce e le estorsioni contro sacerdoti e vescovi. Proprio all’infelice epilogo di un sequestro è legato l’ultimo decesso: quello dell’ultra ottantenne José Moisés Fabile Reyes, cappellano emerito della basilica nazionale Santa Maria di Guadalupe, sequestrato il 3 aprile, morto per infarto durante la prigionia e ritrovato il 25 dello stesso mese dietro il pagamento del riscatto da parte della famiglia.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-20

America Latina – Donne: dire la violenza

Gabriella Zucchi

Hanno fatto più clamore i numeri, ma c’è molto altro nel volume della Confederazione latinoamericana e caraibica delle religiose e dei religiosi (CLAR), Vulnerabilidad, abusos y cuidado en la vida religiosa femenina: creando una cultura del cuidado y la protección (Vulnerabilità, abusi e cura nella vita religiosa femminile. Per creare una cultura della cura e della protezione), pubblicato dalla Editorial Claretiana, mentre è in preparazione un analogo lavoro sulla vita religiosa maschile.

Attualità, 2022-20

Brasile - Presidenziali: Lula è tornato

Dopo una campagna elettorale divisiva, ora il paese è da pacificare

Gabriella Zucchi

Ci sono due prime novità assolute nelle elezioni presidenziali brasiliane del 30 ottobre scorso: la mancata riconferma al secondo mandato del presidente in carica e un presidente eletto per il terzo mandato. A vent’anni dall’elezione del primo presidente di sinistra del Brasile democratico (2002), Luis Inácio Lula da Silva, 77 anni, «è tornato» (così lo annunciano i suoi sostenitori).

Attualità, 2022-18

Cile – Referendum costituzionale: bocciata

Gabriella Zucchi

Una nuova Costituzione verrà scritta, perché in tal senso si è espresso a grande maggioranza il popolo del Cile al plebiscito nazionale del 25 ottobre 2020 (cf. Regno-att. 20,2020,637), ma a tutt’oggi ancora non è chiaro come si procederà per redigerla, dopo la netta sconfitta del «sì» al referendum che il 4 settembre scorso ha sottoposto al giudizio popolare la nuova Carta.